Tacadancer a Boretto: tango, Orchestrona, leggende della bassa e degustazioni Slow Food

tromba_715/8/2014 – Fa tappa a Boretto in questi giorni di Ferragosto il festival itinerante di danza “Tacadancer 2014 – Quando la trasgressione era ballare abbracciati”.

L’associazione di promozione sociale TacaDancer propone due importanti tappe nell’ambito del festival itinerante che ha in programma spettacoli in tutta l’Emilia-Romagna.

Venerdì 15 agosto, alle ore 21.30, andrà in scena la serata “Disfida Tacatango” con Tango Libero e Nuevo Encuentro. Un viaggio dalle origini del tango alle nuove frontiere, condotta da Arturo Stalteri.

Sabato 16 agosto, sempre alle 21.30, serata da ballo con “L’Orchestrona” e Mercatino della Terra: leggende e misteri tra le nebbie della bassa con degustazioni e presentazioni di prodotti della zona del Grande Fiume a cura di Slow Food Reggio Emilia: l’uva fogarina, la prugna zucchella, l’anguria fojasa, la zucca cappello da prete.

Il festival itinerante Tacadancer è nato ufficialmente del 2010 e, nel corso degli anni successivi, si è notevolmente ampliato coinvolgendo formazioni straniere e ampliando la fascia di pubblico che, gradualmente, è passata da un target composto unicamente da persone ultrasessantenni a un pubblico più giovane e interessato a generi musicali più innovativi.

Le iniziative sono a ingresso gratuito; durante le serate funzionerà un punto di ristoro a cura dell’Associazione di Promozione Turistica Pro Loco.

TANGOLIBERO
Nato nel 2013, è un duo formato da Edoardo Ponzi, vibrafonista e percussionista, e Hernàn Diego Loza, chitarrista e compositore argentino.
I musicisti propongono un repertorio molto vasto e ricco di colori, sia per l’inusuale accostamento dei due strumenti – vibrafono e chitarra, appunto – sia per la fusione della tradizione argentina con il linguaggio jazzistico.

NUEVO ENCUENTRO
Verso la fine dell’Ottocento, nei porti sudamericani del Rio de la Plata sbarcano ondate di emigranti italiani, francesi, ungheresi e di altre nazionalità. Nei vicoli dell’Orilla, i nuovi Argentini cantano la nostalgia e la distanza, ma anche le speranze e le aspirazioni. Dalla canzone, come suo completamento espressivo, arriva la danza: nasce il tango e, poi, la musica gioiosa e i ritmi sincopati della Milonga. Nuevo Encuentro propone composizioni proprie e un vasto repertorio tradizionale di tanghi, milonghe e brani popolari argentini, selezionati appositamente per la danza e capaci di offrire un itinerario virtuale in questo genere sudamericano.

ARTURO STÀLTERI
Musicista, compositore, critico musicale e conduttore radiofonico, da diversi anni è la voce narrante di molte trasmissioni di RAI Radio3 e RAI Radio2 (Senza video, Orione, Il terzo anello, etc.). È l’arbitro storico del Festival TacaDancer, che accompagna ininterrottamente dal 2008 e per il quale ha diretto oltre trenta “Disfide musicali”.

L’ORCHESTRONA
L’Orchestrona della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli (FC) è un progetto nato circa 10 anni fa da un’idea di Davide Castiglia, attuale direttore del gruppo. Coadiuvato da Vanni Bendi, oltre che da altri musicisti e insegnanti, Castiglia ha creato una formazione assolutamente atipica, una commistione ben riuscita tra una banda e un’orchestra che, in realtà, non è nessuna delle due. È composta esclusivamente di strumenti popolari, è quindi la sintesi più fedele del progetto musicale che il nostro Festival sta portando avanti. Si tratta di un concerto e di un progetto culturale volti a dimostrare – senza temere la banalità dei luoghi comuni – che le diversità sono una ricchezza e che la musica rimane il linguaggio migliore per incontrarsi e ballare.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *