Scandiano: i carabinieri inseguono banda di ladri di rame e recuperano furgone con mezza tonnellata di metallo

7/8/2014 – Questa notte un commando di malviventi specializzati in furti di rame è stato intercettato e messo in fuga dai carabinieri di Scandiano dopo un inseguimento a folle velocità.

Per non essere catturati, i ladri hanno abbandonato un furgone con dentro mezza tonnellata di metallo pregiato, frutto di un raid evidentemente compiuto nella nottata. Il mezzo, po recuperato dai militari di Guastalla, era stato rubato nel bolognese il 17 giugno scorso: oltre alla refurtiva, a bordo c’era il classico kit della banda del rame: cutter e forbici per pulire i cavi elettrici, cacciaviti, tenaglie e torce.

Poco dopo le 3,30 di questa notte, dunque, una pattuglia della Tenenza di Scandiano nel corso di un posto di controllo in frazione Bosco ha intimato l’alt a due furgoni (uno con targa rumena, l’altro un Mercedes Vito) con almeno 4 persone a bordo che procedevano in direzione Reggio. Ma anzichè fermarsi, i due mezzi hanno accelerato, ed è cominciato così un inseguimento a folli velocità.

Dopo alcuni chilometri i due mezzi hanno preso direzioni opposte, con i carabinieri che hanno potuto inseguirne uno. A un certo punto i ladri, tallonati dai militari, hanno deciso di abbandonare il furgone in mezzo alla strada per fuggire nei campi, riuscendo a dileguarsi col favore della notte.

Nel Mercedes Vito, risultato rubato ad Anzola Emilia lo scorso mese di giugno, veniva trovata la refurtiva e gli attrezzi per il “prelievo” del rame. Nel frattempo scattava la caccia ai due scappati per i campi, e all’altro furgone con targa rumena che si era dileguato.

Ora si indaga per capire dove sia stato rubato tutto quel rame, e si lavora per individuare i malviventi anche attraverso il confronto delle impronte digitali rilevate nel mezzo con le schede della Banca Dati delle forze dell’ordine.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *