Rivede in città la sua amata Alfa 156 rubata un anno fa.
La insegue, e i Carabinieri gliela restituiscono

7/8/2014 – Da oltre un anno girava per Reggio Emilia, come se niente fosse, alla guida di un’Alfa Romeo 156 rubata a una persona in città. Finalmente ieri il derubato ha rivisto la sua auto, incrociandola per le strade cittadine, e ha chiamato i Carabinieri.

L’utilizzatore non ha saputo giustificare il possesso, riferendo genericamente di averla acquistata da un rumeno. Di conseguenza è finito nei guai. Con l’accusa di ricettazione i Carabinieri della Nucleo Radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia hanno denunciato alla Procura della Repubblica un uomo di 28 anni incensurato residente in città.

Il proprietario, un 55enne reggiano, al termine delle formalità di rito è quindi rientrato in possesso della sua autovettura, un’Alfa Romeo 156. Il vero proprietario, che a luglio dello scorso anno aveva denunciato il furto dell’auto sottratta dal garage della propria abitazione, aveva oramai perso le speranze di poterla ritrovare e per questo si è comprato un’altra macchina.

La sorte tuttavia gli ha fatto re-incontrare per strada, anche se a distanza di oltre un anno, la sua amata Alfa 156. Per nulla intimorito ha invertito la marcia ponendosi all’inseguimento dell’auto e restando in contatto con l’operatore del 112, riuscendo a condurre i Carabinieri di Reggio Emilia sino a Roncocesi, dove lo sconosciuto aveva parcheggiato l’auto.

Forti della descrizione fornita per telefono al derubato, i Carabinieri hanno girato per i condomini della zona sino a individuare una persona che corrispondeva alla descrizione del proprietario.

La prova del nove è stata il rinvenimento in disponibilità del fermato della chiave dell’auto rubata da oltre un anno. “L’ho comprata regolarmente da un rumeno”, questa la generica giustificazione del 28enne, denunciato dai Carabinieri alla Procura reggiana per il reato di ricettazione. L’auto è stata restituita al legittimo proprietario.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *