Prende per il collo la suocera e spacca il retrovisore della macchina. Tutto per un prestito di diecimila euro

16/8/2014 – Era andata dalla figlia per trovare la nipotina, ma si è ritrovata davanti l’infuriato genero che l’ha aggredita e le ha spaccato con una mazza uno specchietto retrovisore della macchina.

Motivo di tanto rancore, secondo il genero, le difficoltà economiche provocate dal fatto che la suocera non avrebbe restituito un prestito di diecimila euro.

Questa a grandi linee una vicenda avvenuta a Castelnovo Sotto. Con l’accusa di danneggiamento e possesso di oggetto atto ad offendere, i Carabinieri della Stazione di Castelnovo Sotto hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia un operaio di 29 anni di Castelnovo Sotto, sequestrandogli un bastone di legno utilizzato per danneggiare l’auto della suocera.

A richiedere l’intervento dei militari, in una casa privata, è stata la stessa vittima trovata dai Carabinieri in forte stato di agitazione e in preda ad una crisi di pianto. La donna singhiozzando ha affermato di essersi recata dalla figlia per andare  a trovare la nipotina. In casa c’era il genero che – a detta della donna – era andato inspiegabilmente in escandescenze.

Il genero avrebbe inveito contro la suocera per poi aggredirla prendendola per il collo e strattonandola. Infine, prima di allontanarsi con la figlia, con una mazza di legno ha spaccato lo specchietto retrovisore della macchina.

Nel cortile di casa i militari rinvenivano e sequestravano il bastone di legno utilizzato per danneggiare la macchina della suocera. Ricostruiti i fatti ed acquisiti i riscontri che effettivamente hanno confermato la versione della suocera, i Carabinieri hanno denunciato l’uomo alla Procura reggiana.

L’indagato a suo “discolpa” ha riferito di aver perso le staffe a causa delle difficoltà economiche in cui versava, conseguenti anche a un recente prestito di diecimila euro non onorato dalla suocera.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *