Perseguita la ex, madre di suo figlio, e la manda all’ospedale: arrestato

 17/8/2014 – Sarebbe stata la fine della convivenza a trasformare l’uomo in un vero e proprio incubo per la sua ex, portandolo a macchiarsi di una serie di condotte delittuose per le quali, al termine delle indagini, i Carabinieri della Stazione di Bagnolo in Piano l’hanno denunciato alla Procura reggiana.

Lo stalker è così finito agli arresti domiciliari disposti dal Gip di Reggio Emilia Giovanni Ghini, su richiesta del p.m. Isabella Chiesi, che ha condiviso le risultanze investigative dei Carabinieri. Ghini ha ordinato allo stalker di non lasciare il luogo degli arresti senza autorizzazione e gli ha vietato di comunicare con qualsiasi mezzo con persone diverse da quelle che vivono con lui. L’arresto è stato eseguito ieri.

Lei una 30enne, lui un 38enne, entrambi reggiani: sono i protagonisti di questa vicenda.

Dopo una lunga convivenza, dalla quale è nato una bambino, i due ad aprile dello scorso anno si separano e da allora lui – complice anche l’alcol – incomincia a perseguitare l’ex.

Si presenta sotto casa sua, la raggiunge in esercizi pubblici o per strada e le telefona a ripetizione insultandola, minacciandola e anche mettendole le mani addosso. Una volta, il 24 marzo 2014, le ha provocato un trauma contusivo al polso sinistro con ferita superficiale al pollice ed emorragia
sottoungueale del 2° dito, giudicata guaribile (all’esito dell’evidenziarsi del trauma) in 40 giorni.

Di fronte a tanta persecuzione la donna, terrorizzata, è arrivata a chiudersi in casa e uscendo quelle poche volte solo se accompagnata dal padre o dall’attuale compagno.

Episodi delittuosi raccolti in varie denunce che, verificate dai carabinieri della Stazione di Bagnolo in Piano, hanno portato all’arresto dell’ex.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *