A Bagnolo l’addio a Claudio Battitori, morto in Val Poschiavo. La moto è slittata sulla strada del trenino del Bernina

26/8/2014 – Oggi alle 10, nella chiesa di San Tomaso a Bagnolo in Piano, i funerali di Claudio Battitori, 56 anni, capo cantoniere dell’ufficio tecnico del comune di Bagnolo, morto sabato in Svizzera, ai confini con la Valtellina, in un terribile incidente accaduto a Le Prese, sul lago di Poschiavo.

Era in moto, diretto a Livigno insieme alla moglie Anna Taschi, in sella con lui, e a una coppia di amici: insieme avevano trascorso alcuni giorni a Tirano.

Battitori era un pilota provetto, grande appassionato di moto, e conosceva bene la strada che costeggia la ferrovia del famoso trenino del Bernina.

Proprio a causa dei binari, la via Da Bernina è scivolosa nella corsia Nord, specialmente con la pioggia. Il giorno precedente una persona era morta nello stesso posto.

Su quella strada, teatro di numerosi incidenti, la moto è sbandata paurosamente, finendo sull’asfalto. Battitori è stato sbalzato ed è volato nella corsia opposta, dove in quel momento transitava un’auto che non è riuscita ad evitarlo.

La moglie è caduta sulla destra, riportando ferite per le quali è stata ricoverata all’ospedale di Poschiavo. Nonostante le lesioni, è accorsa subito accanto al marito, riverso all’altro lato della strada, ma ormai non c’era più niente da fare.

Ad accogliere la salma, arrivata domenica dalla Svizzera, c’erano molti colleghi di lavoro, amici e conoscenti della famiglia, insieme al sindaco di Bagnolo Paola Casali, a testimonianza di quanto fosse conosciuto e benvoluto Claudio Battitori.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *