Cosa non si fa per una Graziella. Diventa detective per riprendersi la bici rubata l’anno scorso. Denunciato il ricettatore

31/8/2014 – Girava per le vie di San Martino in Rio in sella a una inconfondibile bici Graziella rubata lo scorso anno nello stesso paese della Bassa reggiana. Immaginiamoci dunque la sorpresa del legittimo proprietario, quando ha rivisto la sua amata bicicletta parcheggiata fuori da un negozio.

Nel timore che la sua Graziella potesse nuovamente scomparire, si è appostato sino a quando non è arrivato il ricettatore, che peraltro di fronte alle proteste dell’uomo non ha avuto nulla da eccepire e ha prontamente restituito la Graziella, che aveva acquistato da un conoscente. Poi è andato dai Carabinieri a denunciare l’accaduto.

Con l’accusa di ricettazione, i Carabinieri di San Martino in Rio hanno denunciato alla Procura reggiana un operaio di 20 anni del paese.

La Graziella era stata rubata il 29 dicembre dello scorso anno, e l’operaio che la utilizzava l’avrebbe acquistata a sua volta per 60 euro da un giovane di Correggio. Il ventenne, anzi, aveva chiesto il numero telefonico al derubato, per mettersi d’accordo e andare insieme dai Carabinieri. Non ricevendo notizie dallo sconosciuto, la vittima è andata dai Carabinieri di San Martino in Rio verbalizzando l’accaduto.

Il ricettatore, peraltro già conosciuto ai militari, non ha saputo giustificare il possesso della bici e quindi la sua lecita condotta, mentre il derubato ha potuto mostrare la copia della denuncia di furto.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *