Concorso lampo sotto Ferragosto per dirigente ingegnere. Si accettano scommesse sul vincitore

22/8/2014 – Solo quindici giorni di tempo, per giunta a cavallo di ferragosto, per partecipare alla selezione bandita dal Santa Maria Nuova e dall’Ausl di Reggio Emilia per un Ingegnere Civile, con ruolo e stipendio da Dirigente, incarico triennale, come “supporto” alla realizzazione dell’ospedale del Bambino e del nuovo Opg.

NON CEDO, NON TENTO, NON FARLO: IO VORREI, NON VORREI, MA SE I TUOI...

RUBERTELLI: “NON CEDO, NON TENTO, NON FARLO: IO VORREI, NON VORREI, MA SE I TUOI… COME PUO’ UNO SPOGLIO, ARGINARE IL FARE…”

Il concorso è stato bandito il 6 agosto ed è scaduto il 21 agosto (cioè ieri). Perchè tanta fretta? E perché a Ferragosto? Evidentemente si e scoperto solo oggi che c’è bisogno di un Ingegnere Civile come supporto per due grandi opere programmate da tempo.

Tutti sono curiosi di sapere chi sarà il fortunato vincitore. Secondo i maligni, che fanno peccato ma in genere ci prendono, una fotografia sarebbe già appesa al bando di selezione.

La consigliera di opposizione Cinzia Rubertelli, che ha diffuso oggi la notizia ma senza azzardare nomi, afferma che il bando potrebbe interessare “casualmente” alcuni dirigenti “in uscita dal Comune di Reggio”.

Ecco cosa ha dichiarato in mattinata la candidata sindaca di Progetto Reggio e Grande Reggio.

“Lo scorso 6 agosto l’Azienda Santa Maria Nuova e l’Ausl di Reggio hanno bandito un concorso per selezionare un Dirigente Ingegnere Civile la cui scadenza è prevista per il 21 agosto, una procedura di soli 15 giorni a cavallo del ferragosto.

Il conferimento dell’incarico triennale prevede lo svolgimento di attività di supporto alle direzioni dei servizi tecnici delle Aziende occupandosi principalmente degli adempimenti tecnico-amministrativi inerenti la realizzazione dell’ospedale materno infantile (per l’ASMN) e del nuovo ospedale psichiatrico giudiziario (per l’Ausl Reggio Emilia)”.

“Ai candidati – sottolinea Cinzia Rubertelli – è richiesto esclusivamente di presentare un curriculum e saranno sottoposti ad un colloquio con la Commissione esaminatrice, composta da Dirigenti Ingegneri delle due Aziende, che per stilare la graduatoria avrà a disposizione 100 punti: 50 per il curriculum e 50 per il colloquio (verba volant?)”.

E aggiunge: “Tra i requisiti richiesti figurano in particolare i seguenti: cinque anni di servizio effettivo corrispondente alla medesima professionalità, del posto a concorso, prestato in enti del Servizio Sanitario Nazionale nella posizione funzionale di settimo e ottavo livello, ovvero in qualifiche funzionali di settimo, ottavo e nono livello di altre pubbliche amministrazioni.

L’ammissione è altresì consentita ai candidati in possesso di esperienze lavorative con rapporto di lavoro libero professionale o di attività coordinata e continuativa presso enti o pubbliche amministrazioni, ovvero di attività documentate presso studi professionali privati, società o istituti di ricerca, aventi contenuto analogo a quello previsto per il profilo professionale a concorso; oltre che:

• specifiche competenze gestionali necessarie a pianificare, programmare e coordinare le attività connesse alla realizzazione di nuove strutture ospedaliere;
documentata esperienza in materia di adempimenti normativi nella realizzazione di opere pubbliche in presenza di pianificazione urbanistica;
• conoscenza del procedimento tecnico-amministrativo per la realizzazione di nuove opere pubbliche, con particolare riferimento alle fasi di progettazione, esecuzione e collaudo;
• conoscenza dei principali applicativi informatici utilizzati in ambito tecnico-gestionale nei Servizi Tecnici aziendali”.

“Sarà politicamente interessante – conclude Rubertelli – conoscere l’esito di tale concorso, specie se avesse casualmente attirato l’attenzione di taluni Dirigenti in uscita dal Comune di Reggio Emilia”.

(P.L.G.)

Be Sociable, Share!

3 risposte a Concorso lampo sotto Ferragosto per dirigente ingegnere. Si accettano scommesse sul vincitore

  1. MG Rispondi

    21/08/2014 alle 18:29

    Quindi uno che esce dal comune deve ritirarsi su un eremo?

    • Pierluigi Rispondi

      22/08/2014 alle 08:47

      Capisco.Ma se è così, lo sia per tutti: anche gli esodati allora hanno diritto a un posto nella sanità (visto che sono usciti dal lavoro e poi pugnalati alle spalle dallo stato).E ne hanno diritto pure i licenziati non per colpa loro, e pure i giornalisti “usciti” loro malgrado da giornali in ristrutturazione.
      Certi problemi, comunque, potrebbero essere risolti con più eleganza e meno sfacciataggine. Un giornale ha fatto un nome che io non farò: aspetto l’esito della selezione e la,proclamazione del vincitore/trice.

  2. vinca il peggiore Rispondi

    23/08/2014 alle 08:35

    …sempre per capire a come è messa la città delle perdute perZone…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *