Sette anni di botte, minacce, estorsioni a padre, madre e sorelle. Tre anni e 4 mesi di carcere a reggiano

9/7/2014 – Per sette anni, a partire dal 2007, un 44enne reggiano, Gian Luca Bertani, ha sottoposto a ogni genere di angherie padre, madre e sorelle, che vivevano nella stessa palazzina, nel comune di Reggio, ma in appartamenti diversi.

Dopo l’ultimo episodio è finito in carcere, e in carcere, dopo aver patteggiato 3 anni e 4 mesi, ci resterà. Lo ha deciso questa mattina il giudice Antonella Pini Bentivoglio, in un processo nel corso del quale l’uomo è stato assistito dall’avvocatessa Annalisa Bassi.

Le imputazioni contro di lui traducono giuridicamente una lunghissima serie di episodi che sono avvenuti in quella palazzina: maltrattamenti, lesioni per botte alla madre e alle sorelle, minacce, anche di morte, ed anche estorsione, per aver ripetutamente preteso dal padre, con la violenza, modeste somme di denaro, tipo 5 euro.

Atteggiamenti vessatori non provocati da droga o da alcol, ma da motivi inspiegabili, almeno all’esterno del nucleo familiare. Al di fuori di questo l’imputato, infatti, ha sempre avuto comportamenti normali. Questa mattina si è detto pentito di quanto ha ripetutamente fatto, ed ha chiesto scusa.

Il patteggiamento è stato stabilito con il pm Maria Rita Pantani, che si era occupata dell’incredibile vicenda. L’avvocatessa Bassi si riserva, più avanti, di chiedere una misura meno restrittiva del carcere.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *