Pusher reggiano recidivo arrestato dai Carabinieri: aveva in casa mezz’etto di eroina per i tossici della montagna

28/7/2014 – Nonostante fosse già sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, un marocchino di 32 anni abitante a Reggio Emilia ha continuato come se niente fosse nella sua attività di spaccio.

La cosa non è sfuggita ai Carabinieri di Castelnovo Monti che ieri sera, supportati dai colleghi della Stazione di Carpineti, hanno bussato alla sua porta per eseguire una perquisizione. L’attività investigativa, che si protraeva già da qualche settimana, ha consentito di individuare il pusher attraverso il controllo di alcuni assuntori residenti nella zona della montagna, che per rifornirsi di droga si spostavano sino in città.

Ieri sera, raccolti elementi più che sufficienti, i militari hanno perquisito l’abitazione del marocchino, trovando circa mezzo etto di eroina già confezionata in dosi, oltre al materiale necessario per la pesatura ed il confezionamento e oltre mille euro ritenuti provento di attività di spaccio.

Con tali elementi, quindi, l’uomo è stato condotto nella caserma di Castelnuovo Monti ove è stato dichiarato in arresto per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Al termine delle formalità di rito, lo stesso è stato trattenuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria reggiana.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *