Stalking citofonico? Suona di continuo al campanello del debitore, vicino esasperato gli spacca
la faccia

18/7/2014 – Alle 8,30 di ieri mattina al 113 veniva segnalata una lite tra due persone in via Nobili. Una Volante ha rintracciato la persona che aveva avuto la peggio nella lite sfociata in scontro: un 27enne italiano con precedenti di polizia, ferito sul lato sinistro del viso, che comunque ha rifiutato l’ambulanza.

Agli agenti riferiva di essere stato colpito al volto da un nordafricano. Si era recato presso l’abitazione di un altro nordafricano che gli doveva del denaro e che, mentre suonava al citofono, si affacciava alla finestra del piano rialzato il suo aggressore, molto alterato, il quale, dopo vari vicendevoli insulti e minacce, saltava in strada dalla finestra con in mano una pietra, gli si  scagliava addosso colpendolo al volto per poi allontanarsi verso l’abitazione.

Mentre l’italiano raccontava la sua versione, arrivava lo straniero che confermava la versione aggiungendo che la sua irritazione era dovuta al fatto che l’italiano suonava senza tregua il campanello, prima delle ore 7.  Lo stesso consegnava la pietra utilizzata nella colluttazione.

B. A., 28enne marocchino incensurato ed in regola con le norme sul soggiorno, veniva accompagnato in Questura e denunciato per lesioni.
Al vaglio anche la posizione dell’italiano per presunte molestie attraverso l’utilizzo insistente del citofono.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *