In arrivo nuovi bus: sostituiscono i mezzi a Gpl che si fermano con il caldo

23/7/2014 – Già entro sabato arriveranno a Reggio una dozzina di autobus destinati a sostituire i mezzi a Gpl che spesso si fermano nelle giornate più calde. Lo ha assicurato Seta ieri mattina, nella seconda giornata del Forum sul trasporto pubblico convocato in Comune per mettere un freno ai disservizi che hanno raggiunto livelli senza precedenti.

L’impegno dell’azienda riguarda mezzi già in esercizio negli altri bacini di traffico, Modena compresa. Resta un problema: sapere chi paga e chi risarcisce, e conoscere come sono stati scelti i bus che “soffrono il caldo”.

L’agenzia della Mobilità ha invece presentato alcune linee guida per ridefinire orari e tempi di percorrenza, ma senza alcuna riduzione – specifica una nota del comune – del numero di chilometri complessivi del servizio. L’obiettivo è l’aumento delle frequenze nelle ore di punta, anche con l’incremento delle linee-bis, per rimediare al sovraffollamento dei mezzi. Si lavorerà in agosto in modo che a settembre i nuovi orari siano pronti.

Riguardo al tema del sovraffollamento l’Agenzia per la mobilità e Seta hanno assunto l’impegno di incrementare il numero di “linee bis” negli orari di punta. Nel frattempo, la Provincia incontrerà le scuole il 29 luglio per il coordinamento degli orari di inizio e fine lezioni: anche questo è un problema annoso, sul tavolo da decenni in tutta Italia, che nessuno è mai riuscito a risolvere.

Seta, infine, ha garantito l’istallazione delle paratie per la protezione degli autisti nelle prossime settimane.
Il Forum prosegue oggi, mercoledi, sempre nella sede municipale, alle 14.30, con la presentazione, da parte del Comune e in particolare del dirigente del Servizio Mobilità, Alessandro Meggiato, dei progetti relativi alla messa in sicurezza delle fermate.

“Le proposte operative che stiamo affrontando daranno immediati risultati, già nei prossimi giorni – ha commentato l’assessore Mirco Tutino -. Rispetto all’atteggiamento tenuto davanti al Prefetto, si sono fatti alcuni positivi passi in avanti. Non ci illudiamo di risolvere tutto ora, nessuno di noi ha la bacchetta magica. Tuttavia credo che si sia aperto uno spazio di confronto importante, dove non è scontato che gli enti locali siano pronti ad accogliere le indicazioni dell’azienda”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *