Due ubriachi mandano all’ospedale barista che non vuole dargli da bere. Poi aggrediscono i Carabinieri

14/7/2014 – È finita in carcere una serata balorda di due giovani, un 31enne di Reggio Emilia ed un 25enne di Cadelbosco, che nel pomeriggio di sabato non hanno trovato niente di meglio da fare che aggredire prima il proprietario del “Gran Bar da Gigi” di Cadelbosco, e poi i Carabinieri.

Erano circa le 18.30 quando una pattuglia della Stazione di Cadelbosco è stata inviata presso l’esercizio pubblico ove era in corso un litigio. Il titolare del bar era stato aggredito da due giovani ai quali, visto la loro condizione di evidente ubriachezza, si era rifiutato di somministrare altri alcolici. Rifiuto che gli è costato la rottura del naso e percosse varie, tanto da doversi rinchiudersi nel retro dell’esercizio da dove poi è riuscito a chiamare il 112.

Ai Carabinieri di Cadelbosco, giunti sul posto, sono bastati pochi secondi per capire chi fossero i responsabili di questa storia. Una volta individuati i due giovani, che erano ancora lì nei pressi, hanno intimato loro di seguirli verso l’auto di servizio. A tale richiesta i due, però, hanno risposto con un atteggiamento sconsiderato, rifiutando di esibire i documenti di identità e aggredendo i militari prima verbalmente con ingiurie e minacce e poi anche fisicamente.

Si è reso necessario l’intervento di una pattuglia del Radiomobile di Guastalla e di una della locale Polizia Municipale. Solo così è stato possibile fermarli ed accompagnarli in caserma dove sono stati identificati. Gli ulteriori accertamenti, eseguiti attraverso la visione delle immagini di videosorveglianza impiantate nell’esercizio pubblico, hanno inoltre evidenziato che i due, dopo aver picchiato il proprietario, si erano anche impossessati di diverse bottiglie di alcolici.

Ricostruiti tutti fatti, quindi, i Carabinieri hanno proceduto al loro arresto per i reati di minaccia, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni personali, e rapina in concorso.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *