Denunciato per la notte brava di via Pasteur, era già a rubare in ospedale

15/7/2014 –  15/7/2014 – È uno dei tre gonfi di alcol che ieri sera dopo le 23 hanno fatto la malora in via Pasteur, prima piazzando tavolo e sedie di un bar in mezzo alla via Emilia (evidentemente volevano fare come Ernesto Calindri in uno storico spot della Cynar…), poi minacciando i residenti e infine insultando e opponendo resistenza ai poliziotti.

F. W., 37 anni, residente a Reggio, stanotte è uscito a piede libero dalla questura, con una bella denuncia sul groppone, ma evidentemente per lui è come acqua fresca: oggi pomeriggio era già a rubare un computer al pronto soccorso del Santa Maria Nuova. Una pattuglia della Polizia lo ha preso. E questa volta il bravo ragazzo è finito in carcere.

L’ arresto è avvenuto intorno alle 14,20 sul limitare dell’area ospedaliera, quando una Volante ha notato F.W., ben conosciuto ai poliziotti per i precedenti e soprattutto per le bravate della notte, sopraggiungere di corsa dal Pronto Soccorso.

Vista la reticenza dell’uomo sui motivi per cui si trovasse lì, e conoscendo il soggetto, gli agenti hanno deciso di effettuare degli accertamenti all’interno reparto di emergenza-urgenza.

Là, il personale paramedico del triage ha riferito che qualche istante prima, mentre veniva lasciato solo, in attesa di essere sottoposto a visita medica all’interno dei box di valutazione, è stato sorpreso mentre staccava i cablaggi di un pc portatile a uso dei medici, computer che l’uomo aveva già preso e chiuso per portarlo via. Le sue manovre però non sono sfuggite a un infermiere che ha subito chiamato il 113.

Vistosi scoperto, l’uomo ha mollato la refurtiva e si è allontanato frettolosamente per guadagnare l’uscita, dove però è stato intercettato dalla pattuglia.

Stante la flagranza del reato, veniva posto in arresto per furto aggravato.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. il paese dei farlocchi Rispondi

    15/07/2014 alle 23:40

    Forniteci la mappatura dei prossimi furti …così ci regoliamo.
    🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *