Decine di cartelle Equitalia (da recapitare) gettate in una scarpata. Un denunciato

25/7/2014 – È quasi un classico la storia del postino infedele che getta nella spazzatura borsate intere di corrispondenza da recapitare. Ma è la prima volta che qualcosa del genere accade con le temutissime cartelle di Equitalia.

Non è dato di sapere se il protagonista della vicenda l’abbia fatto per solidarietà verso i contribuenti, evasori o tartassati che siano, oppure perché non riusciva materialmente a recapitare le cartelle fiscali. Oppure se era sta minacciato o intimidito.

Sta di fatto che un dipendente a tempo determinato di Equitalia si è guadagnato una denuncia all’Autorità Giudiziaria reggiana per sottrazione e soppressione di corrispondenza.

Qualche settimana fa, i Carabinieri della Stazione di Villa Minozzo avevano rinvenuto in una scarpata della frazione Costabona una cinquantina di missive emesse da Equitalia e destinate ad altrettanti contribuenti verso i quali il fisco reclama entrate non corrisposte.

Recuperate e restituite le buste al direttore di Equitalia, gli uomini dell’Arma hanno avviato le indagini, che si sono concluse ieri con l’identificazione e la segnalazione in stato di libertà di un 33enne abitante a Villa Minozzo, che ora dovrà dar conto alla Procura della Repubblica di Reggio Emilia del suo comportamento.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. mario Rispondi

    25/07/2014 alle 14:18

    Forse a Villaminozzo sono ancora abituati a ” e bir”, cioè il c.d. sbirro che prendeva in appalto dopo la guerra la riscossione delle imposte ed andava direttamente in ogni famiglia ad incassare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *