Cliente lo porta a Corte Tegge e gli squarcia il petto con una coltellata: maniaco in azione, trans in pericolo di vita

4/7/2014 – E’ in condizioni critiche, dopo aver subito un’operazione d’urgenza al petto, il transessuale peruviano accoltellato questa notte a Corte Tegge e soccorso in via Vico, che è la parte della via Emilia compresa tra Cella e Cadè.

topo-piangeGli agenti di Polizia, allertati dal personale del 118, hanno interrogato due persone che avevano prestato i primi soccorsi in attesa dell’ambulanza: uno di loro, un altro trans sudamericano, ha appunto raccontato che l’aggressione era avvenuta a Corte Tegge.

I due sudamericani si prostituivano in via Vico, quando è arrivata una vettura con un uomo a bordo che ha pattuito una prestazione sessuale con il trans poi aggredito.

Questi è salito nell’auto, che si è diretta verso Corte Tegge. Secondo la vittima, dopo aver parcheggiato, dopo il rapporto sessuale, il cliente ha estratto all’improvviso un coltello colpendo il prostituto con un fendente in pieno petto. Pur in stato di choc, spinto dall’istinto di sopravvivenza, l’aggredito è riuscito ad alzarsi e allontanarsi dalla macchina, scappando nella zona industriale e lasciando nel veicolo la propria borsetta con soldi, documenti e telefono cellulare.

Dopo un po’  l’altro transessuale in via Vico vedeva tornare a forte velocità la vettura con il solo conducente che fuggiva in direzione Parma e dopo un po’ notava in lontananza il ferito, lo raggiungeva e lo aiutava a guadagnare la via principale per richiedere i soccorsi.

La vittima è un cittadino peruviano di 43 anni dimorante in città, senza permesso di soggiorno e con precedenti di polizia. L’aggressore è quasi certamente un italiano.

Al Santa Maria Nuova i medici dell’emergenza hanno accertato che la ferita aveva provocato un’emorragia interna di sangue in prossimità del cuore, che poteva rivelarsi letale. Da qui l’intervento chirurgico d’urgenza. La prognosi resta riservata. Le indagini sono svolte dalla Squadra Mobile.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *