“Entro l’autunno nuovi ascensori alla Mediopadana”. Le Ferrovie corrono ai ripari dopo le polemiche sul trasporto malati

26/7/2014 – Presto la stazione Mediopadana dell’alta velocità sarà dotata anche di ascensori-montacarichi ad elevata capacità. Lo annunciano le Ferrovie dello Stato dopo le polemiche scoppiate a causa delle difficoltà di trasportare per le scale una persona soccorsa per sospetto infarto.

Gli ascensori attuali dal livello zero ai binari, infatti, sono troppo stretti per permettere il trasporto di un paziente in barella. Problema analogo si sta ponendo anche per la nuova superstazione di Parma, sulla ferrovia tradizionale, complesso che si sviluppa su su ben 4 piani.

In una nota, le Ferrovie assicurano che i lavori per i nuovi ascensori della Mediopadana inizieranno già in autunno: “I lavori sono in corso di progettazione, inseriti nel piano di valorizzazione condiviso da Rete Ferroviaria Italiana con il progettista”.

“I nuovi ascensori e le nuove scale mobili (benché inseriti in un contesto che già risponde a tutte le specifiche tecniche di interoperabilità previste dalla normativa europea per l’accesso di persone a mobilità ridotta) faciliteranno ancor più il collegamento fra i due livelli della stazione. Gli elevatori consentiranno anche il trasporto di barelle con pazienti in posizione coricata e non solo, come gli attuali, in posizione seduta”.

Sul problema ha presentato un’interrogazione in Regione la consigliera Silvia Noè dell’Udc.

Intanto è imminente l’avvio dei lavori per il Bar Sport nella stazione firmata Calatrava, anche con l’apertura di un punto ristoro provvisorio, in attesa della realizzazione del nuovo bar ristorantino che dovrà essere aperto entro tre mesi. Il titolare della Bar Sport di Vezzano sul Crostolo, società vincitrice della gara per l’assegnazione del caffè ristoratore, è Giuseppe Michele Iori, patron di diverse case da gioco.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Rispondi

    26/07/2014 alle 20:41

    Il buon Calatrava, non ci aveva pensato alle attrezzature per eventuali soccorsi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *