Viaggiatori vessati e “mazziati”: denuncia
di Federconsumatori all’Antitrust contro Trenitalia

30/6/2014 – Federconsumatori ha iniziato di buon mattino una campagna a tutela dei viaggiatori, nella stazione centrale di Reggio Emilia, distribuendo un migliaio di copie di materiale informativo. Oltre cento le persone che hanno chiesto indicazioni e hanno voluto i recapiti dell’associazione per contattare gli operatori ed essere aggiornati relativamente alle prossime iniziative su questo tema.

Il volantino della Federconsumatori

Il volantino della Federconsumatori

Federconsumatori ha presentato all’Autorità dei Trasporti e all’Antitrust un esposto per l’abolizione delle clausole scorrette contenute nelle “condizioni di trasporto” di Trenitalia e condivise in Emilia Romagna anche da Tper, attuale socio nel consorzio di gestione del servizio ferroviario regionale.

«Una serie di “condizioni di contratto” – sostiene Federconsumatori – che garantiscono solo le imprese ferroviarie ed escludono attraverso clausole e limitazioni la maggior parte degli utenti, vittime di disservizi e ritardi, da indennizzi e rimborsi».

La situazione del trasporto su rotaia in Regione viene definita «scandalosa»«Solo nel 2013 in Emilia Romagna si sono registrati 10.000 treni regionali soppressi, spesso per materiali obsoleti (età media oltre 30 anni) e 1 treno ogni 10 è arrivato con un ritardo superiore a 5 minuti. Ci sono state 28 biglietterie aperte su 250 stazioni, con utenti in perenne difficoltà nella ricerca dei biglietti e validatrici, sempre sotto minaccia di multe e sanzioni».

«Siccome il bando di gara attraverso il quale sarà determinato il nuovo contratto di servizio per il trasporto regionale concederà tale appalto per i prossimi 15 anni, FEDERCONSUMATORI ritiene che il nuovo contratto dovrà per forza garantire nuovi diritti per gli utentidichiara il presidente di Federconsumatori Reggio, Giovanni Trisolini – Ci appelliamo all’Antitrust in difesa dei diritti di lavoratori e studenti che utilizzano i mezzi».

In sostanza l’associazione di tutela chiede:

1) Agli utenti venga garantito un nuovo ed efficiente sistema informativo sia a terra che a bordo treno;

2) Essendo superato l’attuale Protocollo di Conciliazione con Trenitalia (perché esclude proprio gli utenti meno tutelati del trasporto ferroviario regionale) si richiedono nuovi strumenti più efficaci;

3) Vengano revisionate le “Condizioni di Trasporto” predisposte unilateralmente dalle imprese ferroviarie, con nuovi criteri basati sull’equilibrio degli obblighi tra le parti;

4) Vengano adeguati i parametri di qualità delle Carte dei Servizi basandosi sui quanto previsto dalle norme europee. 

Aggiunge Trisolini: «Chiediamo il sostegno di utenti e pendolari per l’avvio di un confronto tra associazioni di consumatori e rappresentanze degli utenti con la Regione Emilia Romagna, le imprese ferroviarie e l’autorità di regolazione dei trasporti».

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *