A Poviglio 70enne punta pistola alla tempia di un 22enne. Denunciato per minaccia

10/6/2014 – La provincia di Reggio Emilia come il far west! Scene del tutto simili a quelle che i cowboy davano vita all’interno dei saloon si sono verificate nell’abitato di Poviglio, comune della bassa reggiana, in conseguenza delle quali un 70enne d’origine veneta e residente a Poviglio è stato denunciato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Guastalla alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia con l’accusa di minaccia aggravata.

A lui i Carabinieri reggiani hanno sequestrato proprio la pistola scacciacani utilizzata per la minaccia, risultata essere una pistola semiautomatica modello 92 cal. 8 ed altra scacciacani modello Revolver calibro 380.

I fatti risalgono all’altra sera quando un 22enne di Poviglio recatosi presso l’abitazione della fidanzata si trovava la strada sbarrata dall’odierno indagato il quale lo imputava della sparizione di un televisore di sua proprietà che si trovava nel solaio in uso comune a tutti i condomini.

Un’accesa lite condita da pesanti minacce in conseguenza delle quali il giovane richiedeva l’intervento dei Carabinieri che attendeva all’esterno del condominio seduto su di una panchina. In tale frangente il 70enne si avvicinava al giovane e brandendo tra le mani una pistola la puntava alla tempia del giovane minacciandolo di fargliela pagare.

Quindi tornava in casa prima dell’arrivo dei carabinieri del Nucleo radiomobile di Guastalla che ricostruito l’accaduto bussavano all’abitazione del pensionato dando luogo, alla luce di quanto verificatosi, ad una perquisizione domiciliare finalizzata alla ricerca di armi.

L’attività dava esito positivo in quanto i Carabinieri rinvenivano due pistole, entrambe risultate essere due scacciacani identiche ai corrispondenti modelle delle armi da fuoco. Le due pistole venivano quindi sequestrate. Alla luce delle risultanze il 70enne veniva denunciato con l’accusa di minaccia aggravata.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *