Padre dà di matto perchè il figlio non lavora e lo minaccia col coltello: “Fannullone!”

6/6/2014 – Le difficoltà occupazionali a cui è andato incontro a seguito della crisi economica hanno avuto eco in casa, tanto che il padre, considerandolo un fannullone, non ha esitato ad invitarlo ad uscire di casa.
Per essere convincente ha prelevato un coltellaccio di oltre 30 cm dal cassetto della cucina minacciando il figlio per poi puntarselo alla pancia minacciando di suicidarsi se il ragazzo non fosse uscito da casa. Il ragazzo è riuscito a disarmare il padre ferendosi nella circostanza alla mano.

Dalle mura domestiche la furibonda lite e’ “giunta” alla Caserma dei Carabinieri di Correggio che, subito intervenuti, hanno calmato i presenti avviando i dovuti accertamenti al termine dei quali i Carabinieri hanno denunciato alla Procura reggiana un 60enne abitante a Correggio chiamato a rispondere del reato di minaccia aggravata nei confronti del figlio 24enne.

Quest’ultimo risultava essersi lievemente ferito alla mano durante le fasi in cui aveva disarmato il padre. Il coltello di oltre 30 cm di cui 20 di lama veniva sequestrato dai Carabinieri. I concitati fatti hanno avuto origine l’altra sera quando il padre esasperato per la condizione di disoccupato del figlio l’ha raggiunto a casa di un amico dove si stava divertendo invitandolo a casa. Una volta giunti nell’abitazione tra i due è nata una furibonda lite: motivo del contendere la volontà del padre di cacciare da casa quel figlio ritenuto fannullone.

Dalle parole alle reciproche offese si è subito passati ai fatti con il ragazzo che spingeva a terra il padre che rialzatosi prendeva dal cassetto un grosso coltello da cucina minacciando il figlio per poi rivolgerlo a se stesso minacciando di uccidersi se il figlio non fosse uscito di casa. Il ragazzo riusciva a disarmare il padre pur ferendosi lievemente e in maniera accidentale alla mano per poi chiamare i Carabinieri della locale Stazione.

I militari di Correggio giunti sul posto calmavano gli animi dei presenti per poi al termine degli accertamenti adottare i dovuti provvedimenti nei confronti del padre denunciato per minaccia aggravata.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *