Diciottenne perde la testa, minaccia ragazzina di 15 anni e spara. Per fortuna era una scacciacani

14/6/2014 – C’è da restare senza parole di fronte a storie come queste. Un ragazzino di 18 anni minaccia l’ex fidanzatina quindicenne, tira fuori dallo zainetto una pistola e spara, come se fosse la cosa più naturale del mondo. Per fortuna era solo una scacciacani, ma intanto il diciottenne aveva già perseguitato altre volte la ragazzina, al punto da essere denunciato per stalking.

Ma ecco i fatti, testimoni di un degrado senza precedenti. Ieri pomeriggio alle ore 15,20 una Volante della polizia raggiungeva un’abitazione in zona Canalina, a Reggio, dove una donna aveva segnalato la presenza di un ragazzo che armeggiava con una pistola sotto casa sua.

La donna riferiva che rientrando a casa aveva notato il ragazzo, A. M., un italiano di 18 anni, già denunciato per atti persecutori nei confronti della figlia 15enne, che parlava con la propria ragazzina affacciata al balcone.

La donna ha dichiarato di aver sentito i discorsi minacciosi del giovane: diceva alla figlia che per lei avrebbe fatto qualsiasi cosa, e nel contempo estraeva una pistola dallo zaino, scarrellandola come per armarla. A un certo momento, ha dichiarato, dal cortile si è sentita un’esplosione che secondo la madre era uno sparo. Da qui l’allarme al 112.

All’arrivo della Volante il giovane si era già allontanato, pertanto agli Agenti raggiungevano la sua abitazione, la mamma riferiva di non vedere il figlio dal mattino, aggiungendo che lo stesso probabilmente aveva raggiunto il padre che vive nel modenese.

Grazie alla collaborazione della Polizia di Modena, il giovane spasimante armato veniva rintracciato proprio a casa del padre e con in possesso una pistola del tipo scacciacani acquistata nella stessa mattinata e utilizzata per mettere in atto le minacce.

L’arma veniva sequestrata. E M. A., italiano di anni 18, veniva denunciato per minacce aggravate.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *