Tre centrali coop unite. E’ nata l’Alleanza di Reggio, presidente Simona Caselli. I nomi del direttivo

21/5/2014 – E’ Simona Caselli, presidente di Legacoop, il primo presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane di Reggio Emilia, il nuovo strumento di coordinamento che per la prima volta vede organicamente insieme le tre centrali cooperative reggiane (Agci, Confcooperative e Legacoop).

Nei confronti delle istituzioni, del sindacato e delle altre parti sociali – come sottolinea il documento istitutivo dell’Alleanza – le centrali cooperative parleranno dunque a una sola voce ed elaboreranno comunemente posizioni e proposte di politica cooperativa, rafforzando così il loro ruolo di rappresentanza su tutte le grandi questioni che attengono allo sviluppo e alla tutela della cooperazione.

L’Alleanza delle Cooperative – evidenzia lo stesso documento istitutivo – sarà anche lo strumento attraverso il quale saranno sperimentate forme di collaborazione e di integrazione nell’assistenza sindacale e nell’erogazione dei servizi (di formazione, giuslavoristici, finanziari, amministrativi, contabili, ecc,) alle imprese aderenti alle tre centrali.

“Non si cancellano né storie né autonomie né identità – hanno detto Mauro Veronesi, Giuseppe Alai e Simona Caselli, presidenti di Agci, Confcooperative e Legacoop, nell’ambito dell’incontro dei consigli provinciali delle associazioni che hanno dato il via all’Alleanza – ma si uniscono le volontà e le azioni strategiche a tutela e per la promozione del sistema cooperativo, nella consapevolezza che questi interessi generali sono obiettivi comuni delle centrali cooperative e rappresentano una ricchezza per tutto il territorio”.

“Oggi – ha sottolineato la neo-presidente dell’ACI di Reggio Emilia, Simona Caselli – l’unità d’azione e la condivisione di percorsi strategici rappresentano un valore per tutti, una risorsa primaria rispetto alla disgregazione che la stessa crisi economica sta acuendo e una condizione essenziale per rilanciare non solo la presenza cooperativa, ma per dare maggior vigore a percorsi di sviluppo dai quali possano nascere ricchezza, lavoro e nuova coesione sociale nel territorio”.

“E’ a queste comunità, alle famiglie , ai lavoratori e soprattutto ai giovani che qui risiedono e alle istituzioni che in esse operano – ha proseguito Simona Caselli – che la cooperazione reggiana lancia questo messaggio di unità e di condivisione di strategie, consapevole dei propri limiti, ma anche del fatto che siamo l’unica realtà economica che anche in questi anni di crisi ha aumentato l’occupazione (sono oltre 55.000 i lavoratori delle 540 cooperative reggiane dell’ACI), ha concorso a rilanciare decine di imprese in crisi e ha continuato ad attrarre giovani disposti ad intraprendere percorsi imprenditoriali e ad avviare nuove storie di comunità”.

“Anche la nostra – ha concluso la presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane di Reggio Emilia, affiancata nell’incarico dai co-presidenti Giuseppe Alai e Mauro Veronesi – è una nuova storia che comincia, e siamo orgogliosi del fatto che la cooperazione reggiana anticipi un percorso che gradualmente avverrà in tutto il territorio nazionale, perché è qui che vantiamo una densità cooperativa che ha ben pochi confronti a livello internazionale, associata a quella cultura del fare e del fare insieme che non ha uguali”.

I COMPONENTI DEL DIRETTIVO DELL’ACI REGGIO EMILIA

All’atto della costituzione, l’Alleanza delle Cooperative Italiane di Reggio Emilia ha eletto il suo primo Comitato direttivo.
Ne fanno parte: Mirella Battistoni, Stefano Bedogni, Gino Belli, Elena Bertolini, Alessandro Bezzi, Herman Bolzoni, Marcello Bonvicini, Enea Burani, Matteo Caramaschi, Davide Casari, Corrado Casoli, Mauro Casoli, Gian Battista Castagnetti, Alessia Cavazzoli, Luigi Codeluppi, Emma Davoli, Lorenza Davoli, Davide Frascari, Edwin Ferrari, Marzio Ferrari, Gianni Ghirri, Fabrizio Guidetti, Chiara Nasi, Roberto Olivi, Luciano Pantaleoni, Federico Parmeggiani, Marco Pirani, Guido Saccardi, Marzia Turci, Lino Versace.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *