Terremoto, danni all’economia, soluzioni: convegno Reglass con ingegneri e architetti di Reggio

14/5/2014 – Di nuovo alla ribalta terremoto e danni all’economia, in un seminario in programma domani, giovedì 15 maggio a Reggio Emilia, dedicato alla sicurezza delle strutture produttive.

L’incontro, promosso dall’Ordine degli ingegneri di Reggio Emilia e organizzato da Reglass H.T. S.r.l. col patrocinio di Isi, Ingegneria sismica italiana, Ordine degli architetti e Collegio geometri di Reggio Emilia, è al  Centro Congressi Simonazzi di via Turri 55/a dalle ore 9,30 alle 13,30.

Intervengono Lucio Iotti consigliere e responsabile della commissione strutture dell’Ordine degli ingegneri di Reggi, Francesco Ottaviano titolare STUDIOTTAVIANO, ingegneria edile e strutturale, Andrea Vittorio Pollini del Dicam dell’università di Bologna, Marco Cossu e Devis Sonda di Miyamoto International (Milan).

Nel capoluogo di una delle 6 province del Cratere viene ricordato così il secondo anniversario dal sisma che ha colpito Emilia Romagna, Veneto e Lombardia. Al centro del convegno le attività produttive e le disastrose ripercussioni sull’economia dell’area, seguite al danneggiamento degli edifici industriali. Partendo da una panoramica sul quadro normativo regionale saranno presentati  alcuni esempi di opere realizzate con soluzioni progettuali moderne e innovative.

L’ing. Francesco Ottaviano, che ha preso parte a numerosi lavori all’Aquila, esporrà alcuni casi concreti di ristrutturazione e ripristino di edifici danneggiati dal sisma. Gli ingegneri Marco Cossu e Devis Sonda entrambi a capo della sede italiana di Miyamoto internationl, studio internazionale di progettazione antisismica con filiali in tutto il mondo, parleranno invece di nuove tecnologie per l’adeguamento e il miglioramento sismico delle strutture.

L’ingegner Pollini spiegherà il funzionamento e illustrerà alcuni dati tecnici del dispositivo Sismocell, brevettato da Reglass H.T. e messo a punto in collaborazione con l’Università di Bologna. Si tratta di una cella cilindrica di dimensioni ridotte in acciaio e fibra di carbonio, che, applicata in corrispondenza del nodo trave pilastro dei capannoni industriali, consente di dissipare l’energia dell’azione sismica annullandone, entro certi limiti, gli effetti distruttivi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *