Rinviati i pagamenti ai soci Cmr. Pagliani: «Le coop scaricano i guai finanziari su famiglie e fornitori»

17/5/2014 – Continua lo stillicidio di cattive notizie dal mondo delle grandi cooperative di costruzione. Bilanci Unieco e Ccpl e disavventure di Coopsette a parte, l’ultima riguarda il rinvio di un anno dell’ultima tranche dei pagamenti di Retecoop ai duemila prestatori della Cmr di Reggiolo, che hanno perso il loro denaro nel crac della cooperativa.

E mentre il candidato sindaco di Reggiolo Manuel Negri prende impegno per una commissione d’inchiesta e annuncia l’avvio di una causa collettiva, il capolista di Forza Italia a Reggio, Giuseppe Pagliani, esterna il proprio allarme per la situazione di cui pagano il prezzo i soci prestatori.

«Retecoop può girare la frittata come vuole, ma tale rimane – ha dichiarato Pagliani – I tempi per il promesso rimborso ai soci prestatori di Cmr si allungano, con indubbio e rilevante danno per quest’ultimi. Che poi Retecoop tenti di giustificare i ritardi rispetto ai tempi di rimborso stabiliti, asserendo che ciò deriva dal fatto di essere intervenuta in altre situazioni critiche, è del tutto irrilevante. Ciò che Retecoop avrebbe dovuto fare, ma non l’ha fatto – continua l’esponente azzurro – era quello di verificare per tempo ed intervenire tempestivamente per evitare situazioni di gravissimo dissesto da parte di cooperative, i cui guai finanziari vengono oggi scaricati su coloro che nessuna colpa hanno: i fornitori, i prestatori d’opera e i soci prestatori».

«Uno slogan caro alla sinistra – conclude Pagliani – sostiene che i costi della crisi economica non devono essere pagati dai cittadini. Peccato che, nei fatti, la stessa sinistra faccia finta di non vedere, facendosene invece complice, che la cooperazione in dissesto i costi della crisi li fa pagare, eccome, a quei cittadini, molti dei quali in misura decisamente rilevante sotto il profilo economico, la hanno sostenuta ed in essa hanno avuto fiducia. Un vera vergogna».

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *