Una partnership che lascerà il segno. Keraglass (vetro) entra “alla pari” nel gruppo Emmegi (alluminio)

10/5/2014 – Emmegi e Keraglass annunciano di aver raggiunto un accordo di partnership tecnologica e finanziaria. L’accordo sancisce l’ingresso di Cifin (holding del Gruppo Emmegi) nell’assetto societario di Keraglass Industries e definisce una nuova Governance che prevede il controllo congiunto di tutti i processi aziendali sotto la direzione di Cifin.

La stretta di mano tra Valter Caiumi  (Direttore generale Emmegi Group) e Stefano Spezzani (Presidente Keraglass Industries)

La stretta di mano tra Valter Caiumi (Direttore generale Emmegi Group) e Stefano Spezzani (Presidente Keraglass Industries)

Keraglass entra dunque a far parte del Gruppo Emmegi, sebbene la sua nuova compagine societaria continuerà a vedere attivamente coinvolta la famiglia Spezzani, affiancata dai nuovi soci nella gestione e direzione aziendale.

“L’entrata in partnership di Emmegi – dice Stefano Spezzani, Presidente attuale di Keraglass, permetterà di arrivare ad un equilibrio dal punto di vista finanziario e grazie alla naturale affinità dei rispettivi settori di riferimento (lavorazione del vetro e lavorazione dell’alluminio) svilupperanno sinergie importanti, dando vita ad un progetto congiunto e innovativo, che non ha eguali nelle industrie di riferimento.

La collaborazione tra le due realtà industriali – continua Spezzani – garantirà a Keraglass un’importante espansione commerciale, l’ingresso in nuovi mercati, un servizio di assoluta eccellenza oltre che nuovo impulso alla ricerca ed innovazione dei prodotti”.

Emmegi e Keraglass, infatti, hanno saputo imporre nei rispettivi settori di attività una leadership di fatto, basata sullo sviluppo di tecnologie avanzate che si integrano ottimamente e consentono di offrire ai propri clienti una proposta commerciale armoniosa e completa.

Nella foto il Presidente di Keraglass industries, il Sindaco di Baiso Alberto Ovi e l’Avv. Giuseppe Pagliani che ha seguito l’operazione professionalmente

Nella foto il Presidente di Keraglass industries, il Sindaco di Baiso Alberto Ovi e l’Avv. Giuseppe Pagliani che ha seguito l’operazione professionalmente

Keraglass, con sede a Baiso (Reggio Emilia), vanta un’esperienza quasi ventennale nella fornitura di soluzioni complete per l’industria del vetro (impianti di tempra, serigrafia, movimentazione del vetro piano e curvo, laminazione). L’Azienda, che occupa circa 50 dipendenti e realizza un fatturato di circa 20 milioni di euro (di cui il 20% in Italia ed il restante 80% all’estero) è al servizio di numerosi operatori del vetro per diverse applicazioni (architettura e costruzioni, elettrodomestici, arredamento, box doccia, automotive).

Il Gruppo Emmegi, con sede a Limidi di Soliera (MO) e leader nella progettazione e produzione di soluzioni tecnologiche per la lavorazione di profilati in alluminio e PVC e relativa consulenza di processo, impiega circa 500 dipendenti nel mondo; il fatturato consolidato si attesta intorno agli 80 milioni di euro, di cui il 20% realizzato in Italia e l’80% all’estero. Il Gruppo Emmegi è oggi stabilmente presente in circa 70 Paesi, sia attraverso filiali dirette che tramite distributori autorizzati.

Be Sociable, Share!

5 risposte a Una partnership che lascerà il segno. Keraglass (vetro) entra “alla pari” nel gruppo Emmegi (alluminio)

  1. Carlos Rispondi

    27/05/2014 alle 10:44

    Sarebbe il caso che si chiarissero i rapporti con i clienti che hanno versato consistenti anticipi e non hanno ancora ricevuto nulla. Inoltre sarebbe forse il cSi di chiarire ai nuovi clienti la reale situazione di Keraglass, al momento ancora incerta. La capitalizzazione della nuova Keraglass (50.000 euro in tutto) e il suo amministratore unico di soli 19 anni non lascia molto tranquilli. Speriamo che non sia un’altra bufala che lasci ancora una macchia sull’immagine delle imprese italiane sane. Infatti ci si chiede come sia
    possibile una tale crisi finanziaria.

  2. Emilio Rispondi

    19/11/2014 alle 03:45

    Caro Carlos, purtroppo i clienti che hanno versato, non riceveranno nulla ed il futuro di Keraglass, sarà disastroso. Questa operazione è chiaramente un bieco tentativo di resuscitare un morto che si rivelerà disastrosa per Emmegi che non sa con chi si è andata a mettere in affari.

    • Diego Rispondi

      29/06/2018 alle 15:32

      Caro Emilio,
      a distanza di anni dal tuo commento possiamo dire che per fortuna non avevi proprio capito nulla:

      Keraglass Industries alla conclusione del primo anno di attività insieme al Gruppo Emmegi oltre ad avere mantenuto gli impegni presi dalla procedura (come aver salvato un intera azienda e posti di lavoro) ha ufficializzato e terminato la consegna e installazione di tutti gli impianti con acconti versati.
      Inoltre il trend di crescita promesso dai soci e citato in altri commenti sicuramente più positivi del tuo sono a comunicarti che è stato confermato come lo dimostra questo articolo:

      http://www.glassonline.com/site/news/topic/Company-news/id/28287/Keraglass-sees-growth-beyond-expectations

      Keraglass cresce oltre le aspettative

      Keraglass, società del Gruppo Cifin, conferma la crescita già registrata nel primo semestre del 2017.

      Secondo i dati di agosto 2017, Keraglass ha superato del 40% il fatturato dell’intero anno 2016, registrando un livello di marginalità più elevato, standard qualitativi superiori ed ha visto la nascita di innovative soluzioni tecnologiche, talune pure brevettate.

      Una partnership, quella tra Keraglass ed il Gruppo Cifin, frutto di una lungimirante visione dei soci che, nel 2014, intuirono quanto i due settori, quello della lavorazione del vetro e quello della lavorazione dell’alluminio, potessero essere complementari tra di loro.

      “Una strategia vincente – dichiara Stefano Spezzani, socio fondatore di Keraglass – confermata dal crescente numero di clienti che acquistano entrambe le tecnologie”.

      Grande soddisfazione anche da parte di Valter Caiumi, Presidente e CEO di Cifin, che sottolinea come i risultati positivi siano l’effetto di “un lavoro di team efficace ed armonico che pone al centro la soddisfazione delle esigenze dei clienti, attraverso proposte tecnologiche sempre più evolute, innovative e complementari”.

      I soci dichiarano che il piano strategico triennale, derivato da una visione comune e dall’unione delle sinergiche capacità tecnico-organizzative, prevede che gli utili siano costantemente re-investiti in azienda, al fine di raggiungere gli obiettivi di crescita condivisi, anche attraverso investimenti in R&D per lo sviluppo di nuovi prodotti, nel service, in nuove tecnologie e nuovi impianti produttivi.

      Saluti Caro Emilio …
      A presto..
      ah dimenticavo, ti auguro di avere fortuna e di fare tanto business.

  3. alberto Rispondi

    21/11/2014 alle 16:05

    la nuova Keraglass rispetterà tutti gli impegni presi con i vari clienti che hanno versato anticipi,non solo, con l’ entrata in gruppo del colosso emmegi si apriranno nuovi mercati e keraglass con cio’ e una gestione organizzativa e dei costi (cio’ che è mancato) piu’ solida ritonerà a breve ad avere solidità finanziaria e a guardare il futuro in grande come ha sempre fatto.
    i 50.000 euro fanno parte del capitale sociale e non c’ entrano con la liquidità futura dell’ azienda, e il nuovo consiglio di amministrazione Keraglass non ha ragazzini di 19 anni ma è composto dai fondatori della società che hanno sempre portato in alto il nome di keraglass nel mondo e dai nuovi manager Emmegi di grande livello che dovranno portare a Keraglass ciò che non aveva.
    la ripresa di questi tempi è sempre dura, ma al piu presto l’ azienda tornerà ad essere sempre piu forte, grazie a questa partnership e grazie al lavoro dei grandi lavoratori dell’ azienda, non di certo grazie alle chiacchiere da bar…..

  4. gerri Rispondi

    21/11/2014 alle 16:58

    un grande in bocca al lupo a Stefano Spezzani, grande lavoratore e grande imprenditore che ha passato momenti difficili

Rispondi a gerri Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *