Modaioli senza soldi. Dilaga ai Petali il fenomeno degli studenti taccheggiatori

8/5/2014 – Sono i negozi alla moda del centro commerciale i “Petali” a detenere la “palma” dei negozi più “taccheggiati” da studenti senza soldi, ma che vogliono apparire trendy ad ogni costo e al tempo stesso vogliono provare l’adrenalina del furto.

La “moda” del ladro teenager esplode a Reggo Emilia: a constatarlo i Carabinieri del Comando Provinciale del capoluogo reggiano che con cadenza pressoché quotidiana curano interventi nei negozi d’abbigliamento per la maggior parte nel centro commerciale dello stadio. Scoprono regolarmente che i ladri sono giovanissimi studenti incensurati, anche “di buona famiglia”.

Gli ultimi in ordine cronologico sono tre 17enni della bassa reggiana che, alla pari di altri studenti finiti di recente nei guai, sono stati traditi dalla scarsa esperienza in materia. Hanno avuto l’accortezza di staccare i dispositivi antitaccheggio, ma si sono fatti prendere in castagna dai commessi mentre nascondevano fra i libri di scuola le piastrine staccate dai capi rubati in un altro negozio. Erano troppo nervosi, per questo non sono passati inosservati.

Quando sono stati fermati hanno ammesso le loro responsabilità restituendo le maglie rubate. I carabinieri di via Adua li hanno segnalati alla Procura per furto aggravato in concorso.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *