Marocchino chiede il permesso come badante. Ma l’assistito è morto da anni

22/5/2014 – In aprile aveva richiesto il rinnovo del permesso di soggiorno “dimostrando” con documenti che faceva  il badante a un ultraottuagenario correggese.
Tuttavia l’assistito in questione era morto, ma non per scarsa assistenza da parte del marocchino: il suo decesso risale infatti a due anni fa.
La Questura lo ha accertato facendo i dovuti approfondimenti e, dopo aver studiato il caso a fondo, ha escluso la possibilità che nell’aldilà qualcuno abbia bisogno di badanti.
Perciò ha denunciato il nordafricano per uso di documenti falsi. L’uomo, il 33enne A.O.I, aveva consegnato all’ufficio stranieri, a sostegno della sua richiesta, la ricevuta telematica di registrazione Inps, buste paga e la lettere di assunzione da parte dell’anziano. La polizia sta ora indagando su come il marocchino, arrivato in Italia nel 2011, si sia procurato i documenti.
Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. la tratta Rispondi

    22/05/2014 alle 21:14

    Chi fornisce i documenti falsi a questi tipi ? Chi li copre ?
    Le solite “brave” persone insospettabili…. e “rispettabili” ?
    Ma finitela con il Circo delle pulci…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *