La prima ronda rosa contro gli spacciatori. Madri coraggio sfilano tra via Roma e il Valli

23/5/2014 – Un manipolo di donne coraggiose ha sfidato la mala che infesta il centro di Reggio, lato Nord, sfilando con cartelli e slogan giovedì pomeriggio nella zona calda compresa tra via Secchi, via Roma e la zona dei Teatri. Una vera e propria ronda rosa con lo spaccio e la delinquenza, alla quale ha partecipato un manipolo di mamme di ogni estrazione sociale, fra cui alcune candidate del Nuovo Centro Destra e della lista Prampolini.

ronda tre

Unico uomo presente il senatore Filippo Berselli, che ha sostenuto la ronda in qualità di responsabile nazionale sicurezza e forze del’ordine dell’Ndc.
La manifestazione è stata organizzata da Carla Tafuto, determinata a portare avanti il progetto delle ronde rosa dopo le elezioni.

“Eravamo 5 candidate della coalizione Prampolini di cui 5 Ncd+ 2 lista civica Prampolini e 6 mamme di diversa estrazione sociale, dalla casalinga alla commerciante, all’impiegata, all’insegnante – racconta Carla Tafuto – tutte convinte che solo attraverso il coraggio della denuncia, la collaborazione diretta con le forze dell’ordine e  con le istituzioni, la famiglia può riappropriarsi e ritrasmettere dei valori forti che sostituiscano l’alienante ricerca di paradisi artificiali che portano inevitabilmente alla distruzione di nostri figli.

Gli spacciatori devono sapere che sia il comune cittadino sia il vero poliziotto li tengono sotto stretto controllo per impedire loro di rendere i nostri figli come degli zombie. Devono cominciare a sentirsi in una trincea che diventerà, grazie alle ronde, che intendo portare avanti come progetto da estendere a varie parti sociali come volontari, chiesa e croce rossa, un sicuro preludio alla galera”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *