“La mamma mi frusta”. Piccola peste e servizi sociali inguaiano una madre, assolta in Tribunale

8/4/2014 – “Maestra, non mi dia brutti voti altrimenti mia madre mi frusta…”. Con questo “ricatto morale” un bambino che aveva all’epoca 8 anni, marocchino, ha cercato ripetutamente di intenerire le insegnanti di una scuola elementare di Novellara, e a un’amichetta ha anche fatto vedere i segni di quelli che secondo lui erano le frustate dovute ai brutti voti.

Il bambino era molto convincente, per cui sono partite le segnalazioni ai servizi sociali e la madre è stata denunciata per maltrattamenti. Questo avveniva due anni fa.

Questa mattina, difesa dall’avvocatessa Daniela Ferretti, la madre è stata assolta dal giudice Cristina Beretti, nonostante il pm ne avesse chiesto la condanna a un anno mezzo. A suo favore hanno pesato le testimonianze delle maestre, tutte concordi nel dire che si trattava di una madre per bene, con la quale collaboravano proficuamente.

E ha contato anche il fatto che il bimbo è stato descritto come una piccola peste, uno che, come tanti altri della sua età, ed anche oltre, passano il tempo davanti alla tv o alle playstation e non vogliono mai studiare.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *