Da disoccupato a strozzino: così uno di Castelnovo M. si è riciclato nel mondo della “finanza”

13/4/2014 – Quando si dice inventarsi un nuovo lavoro. Un disoccupato di lungo corso di Castelnovo Monti, anzichè cedere alla rassegnazione e alla disperazione, forse dando sfogo a un senso interiore di odio verso la società, ha risolto i suoi problemi economici buttandosi in uno dei rami più odiosi del crimine: l’usura.

Per questa ragione la Squadra Mobile della Spezia, al termine di un’indagine della Procura del Golfo, coordinata dal pm Giovanni Maddaleni, ha arrestato per le ipotesi di reato di usura e tentata estorsione il 45enne Stefano Seravini, originario di Castelnovo Monti ma residente a Vezzano Ligure, località Lagoscuro, in provincia della Spezia.

Per rimediare alla sua condizione di disoccupato, secondo l’inchiesta spezzina, Seravini avrebbe cominciato a prestare denaro a strozzo a imprenditori, pensionati e padri di famiglia finiti sul lastrico a causa della crisi. Sembra che chiedesse il dieci per cento di interessi mensili, mentre il debito delle sue vittime incrementava in modo esponenziale.

Come garanzia costringeva gli strozzati a firmare assegni per cifre esorbitanti, anche di duecentomila euro, e bastava la minaccia di metterli in banca all’incasso per tenere buoni i poveri clienti, che del resto erano già stati messi alla porta dalle banche.

Lo hanno incastrato una confidenza alla polizia, probabilmente la confessione di uno strozzato arrivato a un passo dal suicidio, e soprattutto il giro d’affari che ha suscitato inevitabili sospetti. Nel corso di una perquisizione in casa di Seravini sono stati rinvenuti diversi assegni per importi molto elevati, emessi e firmati dalle vittime a garanzia del debito, 51 mila euro in contanti e soprattutto la famigerata “libretta” in cui ogni usuraio tiene i conti del denaro prestato, dei pagamenti e degli interessi.

Il suo giro era di milioni. Non è ancora chiaro come l’ex disoccupato avesse ottenuto le somme necessarie ad avviare la sua agenzia clandestina di strozzinaggio. Per questo le indagini continuano.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *