Unimore: ecco
il seminario di filosofia del Diritto in salsa rosa, perché la (giuris)prudenza femminile non è mai troppa

18/3/2014Giunge al terzo incontro il ciclo de “Seminario di Teoria del Diritto e Filosofia Pratica”, dedicato quest’anno a “Donne e diritti: nuovi femminismi, nuove legislazioni” e promosso dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. La prof.ssa Brunella Casalini e la dott.ssa Maria Giulia Bernardini analizzeranno alcuni percorsi del femminismo contemporaneo. Appuntamento mercoledì 19 marzo a Modena.

E’ giunto al traguardo della XVIII° edizione il “Seminario di Teoria del Diritto e Filosofia Pratica”, l’appuntamento a tema aperto a studenti, studiosi, e cittadini interessati, che si tiene ogni anno presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia per iniziativa degli insegnamenti di Filosofia del diritto, Sociologia del diritto, Teoria dell’argomentazione normativa e Teoria e prassi dei diritti umani, tenuti dai professori Francesco Belvisi, Gianfrancesco Zanetti e Thomas Casadei.

Il filo conduttore che viene approfondito quest’anno riguarda “Donne e diritti: nuovi femminismi, nuove legislazioni”.

E siamo al terzo incontro, che si terrà mercoledì 19 marzo 2014 alle ore 14.00 presso l’Aula B del Dipartimento di Giurisprudenza (via San Geminiano 3) a Modena. Questa volta si parla di “Corpi e diritti. Percorsi del femminismo contemporaneo“, tema che verrà affrontato dalla prof.ssa Brunella Casalini dell’ Università di Firenze e dalla dott.ssa Maria Giulia Bernardini dell’Università di Palermo. L’incontro sarà introdotto e coordinato dal prof. Gianfrancesco Zanetti dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

La discussione prenderà spunto dal recente volume di B. Casalini, L. Cini, “Giustizia, uguaglianza e differenza. Una guida alla lettura della filosofia politica contemporanea”, Firenze, Firenze University Press, 2013.

“L’intento e il senso dei seminari – commenta il prof. Gianfrancesco Zanetti dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – è quello di promuovere nel territorio la ricerca pubblica partendo dal suo naturale contesto accademico, qualificare la didassi dei corsi connessi alla Filosofia del diritto, generare una discussione capace di rivolgersi, in primo luogo, agli studenti ed alle studentesse che frequentano l’Università di Modena e Reggio Emilia, ma coinvolgendo anche studiosi e studiose di altri Atenei, italiani e stranieri, nonché rappresentanti di altre istituzioni o anche semplici cittadini. I seminari del corrente anno accademico, l’ottocentotrentottesimo dell’Università degli Studi di Modena e di Reggio Emilia, hanno come argomento la nozione di parità, una nozione che si è evoluta fondamentalmente in contesti di contrasto alle diverse forme di discriminazione tra donne e uomini. In realtà quello della discriminazione è da anni uno dei fuochi di riflessione delle ricerche del nostro gruppo di ricerca, come attestano diversi saggi e alcuni volumi collettanei che abbiamo realizzato. Il ciclo appena avviato costituisce semplicemente una nuova tappa di questo percorso, dove la riflessione teorica si interseca con le pratiche sociali e istituzionali, nonché con quelle economiche, come si vedrà in specifico anche in questo terzo appuntamento, dedicato ai principali percorsi del femminismo contemporaneo”.

Brunella Casalini è professoressa associata presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Univ. di Firenze, ove è docente di Teorie della giustizia e dell’intervento sociale e di Filosofia politica. I suoi interessi di ricerca attuali ruotano intorno ai seguenti temi: etica della cura, disability studies, lavoro riproduttivo, trasformazioni del welfare, migrazioni. Tra le sue pubblicazioni più recenti, oltre a numerosi saggi e curatele: I rischi del materno, Pensiero politico femminile e critica del patriarcalismo tra Sette e Ottocento, Pisa, Plus, 2004; Giustizia, uguaglianza e differenza. Una guida alla lettura della filosofia politica contemporanea, Firenze, Firenze University Press, 2012 (con L. Cini). Fa parte del Seminario di studi di genere, Dipartimento di Scienze Politiche – Università di Firenze, e del Seminario interuniversitario sulla “Soggettività politica delle donne”, coordinato da Lucia Re e Orsetta Giolo. E’ componente della redazione del “Bollettino telematico di Filosofia politica” e condirettore della collana “Methexis”, pubblicata dalla Firenze University Press.

Maria Giulia Bernardini è dottoressa di ricerca in Filosofia del diritto. Ha conseguito il Dottorato di ricerca in “Diritti umani: Evoluzione, tutela e limiti” presso l’Università degli studi di Palermo, con una tesi dal titolo “I diritti umani delle persone con disabilità: dipendenze, relazioni, inclusione”. Dal 2009 collabora con gli insegnamenti di Filosofia del diritto e di Sociologia del diritto presso l’Università degli Studi di Ferrara.È redattrice della rivista “Jura Gentium – Rivista di filosofia del diritto internazionale e della politica globale” – Rubrica “Donne, diritto e politica globale” . Tra i suoi interessi figurano disability studies, women studies e gender studies.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *