Topo d’auto preso sul fatto (per il posteriore): era uscito dal carcere poche ore prima.

6/3/2014 – Quando gli agenti sono arrivati in piazza san Zenone, poco dopo la mezzanotte di ieri, si sono trovati davanti a una scena inconsueta: un ladro era seduto tranquillamente, come se niente fosse, nel sedile posteriore di un’auto, intento a frugare in alcuni contenitori alla ricerca di qualcosa da rubare. Ma chi aveva telefonato poco prima al 113, lo aveva descritto come per metà all’interno della macchina e per metà all’esterno, con il posteriore all’aria

Avuta poi davanti l’intera persona, individuata in Giuseppe Convertino, un 31enne uscito dal carcere poche ore prima, gli agenti hanno notato che si era ferito alle mani per spaccare con le nocche il deflettore dell’auto, e addosso aveva numerose schegge di vetro. Il giovane , che non è riuscito  a rubare nulla, in compenso è tornato alla Pulce.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *