Spacciano ecstasy via Sms, ma al cellulare risponde il maresciallo dei Carabinieri: arrestata coppia di Correggio

13/3/2014 – Il loro cliente si trovava nella caserma dei Carabinieri di Albinea in stato d’arresto per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti con il cellulare sequestrato. Quando è giunto l’Sms “le paste sono arrivate”, a rispondere sono stati  i Carabinieri che hanno messaggiato con l’interlocutore fissando l’appuntamento per prendere “le paste”.

All’incontro però gli spacciatori si sono ritrovati i Carabinieri di Albinea che li hanno arrestati: avevano con loro 62 pasticche di ecstasy oggetto della compravendita. In manette con l’accusa di spaccio di stupefacenti i Carabinieri di Albinea hanno arrestato un 38enne originario di Quartu Sant’Elena e la compagna di 24 anni originaria di Catanzaro, entrambi residenti a Correggio. A loro i militari albinetani hanno sequestrato oltre all’ecstasy, mezzo grammo scarso di cocaina, un bilancino e due cellulari utilizzati per i contatti con i clienti.

E’ accaduto l’altra sera quando, durante le operazioni di arresto di un giovane sorpreso dai Carabinieri di Albinea con mezzo chilo di hascish (lo spacciatore individuato e fatto arrestare da due genitori), giungeva al suo cellulare – già sequestrato dai militari – un sms coinciso ma ben chiaro: “sono arrivate le paste”. Far scattare la trappola per i Carabinieri è stato un gioco da ragazzi.

I due fermati hanno consegnato spontaneamente le 62 pastiglie di ecstasy ed una dose di cocaina. Nella loro abitazione di Correggio i Carabinieri hanno poi rinvenuto un bilancino di precisione oltre ai cellulari. In attesa del processo fissato per il prossimo 27 marzo, il giudice di Reggio ha disposto gli arresti domiciliari per l’uomo e l’obbligo di firma per la donna.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *