Il Pd si sfascia contro il pilomat di via Settembrini

26/3/2014 – E’ accaduto in Sala del Tricolore, su un ordine del giorno urgente presentato dal capolista di Progetto Reggio Giacomo Giovannini. Il documento invitava l’amministrazione a cercare un accordo con i cittadini dopo il ricorso al Tar contro il pilomat di via Settembrini (l’unico installato in un quartiere di campagna), ricorso che sarà discusso in camera di consiglio  dai giudici di Parma il prossimo 23 ottobre. Il Pd si è dichiarato contrario, ma al momento del voto il gruppo si è spaccato. La questione scotta per i problemi creati alla vita quotidiana dei cittadini di via Settembrini, che senza dubbio faranno sentire la loro voce nelle urne.

Ha dichiarato  Giovannini: “Durante l’ultima seduta del Consiglio comunale ho chiesto, su istanza dei cittadini di via Settembrini, un impegno alla Giunta affinchè si ricomponga la lite pendente al Tar prima della scadenza prevista per la discussione del merito del ricorso che avverrà il 23 ottobre 2014.

Questo perchè un’Amministrazione saggia dovrebbe sapere tenere insieme gli interessi dei cittadini con provvedimenti equi e razionali: esattamente il contrario di quanto avvenuto per via Settembrini, il cui atavico problema di traffico, causa l’assenza della tangenziale di Fogliano e di una inefficiente tangenziale a Canali, è stato risolto con la chiusura della strada”.

Aggiunge il consigliere: “Anche questa semplice richiesta è stata respinta dal  PD, che però alla prova del voto si è spaccato a metà denotando tutte le incertezze che aveva già palesato nell’assumere provvedimenti che hanno diviso i cittadini mettendoli gli uni contro gli altri”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Totem Rispondi

    26/03/2014 alle 08:58

    Erano meglio i Totem. Quando la politica aveva un senso, anche per i cittadini.
    La politica dei pilomat e delle slide è fuorviante e impedisce la libera circolazione …delle idee, per non parlare del CONCRETO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *