Disabile pestato all’isola ecologica: l’aggressore scovato e denunciato. Installate le telecamere

10/3/2014 – La Squadra Mobile ha individuato e denunciato a piede libero l’uomo che il 25 gennaio aveva aggredito selvaggiamente, mandandolo all’ospedale, un lavoratore disabile all’isola ecologica Iren di via Guido Da Baiso, che poi è stata chiusa a tempo indeterminato. L’aggressore ha 40 anni, è un calabrese di Reggio con precedenti penali per reati contro il patrimonio. Di lui non è stato fornito il nome.

Quella disgraziata mattina, il guardiano aveva visto all’interno dell’area dell’isola ecologica una macchina non autorizzata. Si era avvicinato per rilevarne la targa, come disposto dall’azienda per motivi di sicurezza, ma quel punto il titolare dell’auto – che evidentemente stava cercando metallo da portar via per rivenderlo – è comparso e preso un bastone aveva colpito più volte il dipendente alle gambe, poi gli è salito con i piedi sulla schiena, gli ha intimato di non raccontare quella storia minacciandolo di morte, e si è dato alla fuga.

La vittima finita in ospedale con una prognosi di 14 giorni, ha poi fornito una dettagliata descrizione dell’uomo agli investigatori, nonchè il numero della sua targa, e in Questura ha riconosciuto senza incertezze il suo aggressore dalle foto segnaletiche, che peraltro gli uomini della Mobile avevano già individuato.

Di conseguenza la Squadra Mobile sulla scorta dei riscontri ottenuti e delle testimonianze acquisite, ha denunciato l’energumeno per detenzione e porto abusivo di oggetti atti ad offendere, lesioni personali dolose lievi e minacce.

Intanto questa mattina l’isola ecologica è stata riaperta. L’impianto, informa il Comune, è stato dotato di telecamere che consentiranno ad Iren, che lo gestisce attraverso la cooperativa sociale Il Villaggio, di sorvegliare tutta l’area, con la presenza costante di una guardia giurata. E’ previsto un sistema di videosorveglianza anche nella zona attorno all’isola ecologica. Il problema dei furti in questi centri sarà discusso in un incontro tra Comune e prefettura.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *