Roberto Zelioli trovato morto in Romania. Sparito due mesi fa, il decesso risale al 3 gennaio

21/2/2014 – Era scomparso da due mesi. Da fine 2013 non si sapeva più niente di lui. Aveva fatto perdere le sue tracce, lasciando nell’angoscia quanti lo conoscevano, familiari e colleghi.  E a nulla, purtroppo, sono valsi i recenti e accorati appelli in tv (anche dal noto programma di Rai Tre “Chi l’ha visto?”) da parte di parenti e conoscenti.

roberto zelioli

Roberto Zelioli, 52 anni, imprenditore della comunicazione e assessore all’urbanistica del comune di Albinea, è stato trovato morto vicino a  una linea ferroviaria in Romania, a Branesti, nei pressi di Bucarest. A quanto si appreso la morte risalirebbe ai primi di Gennaio. 

La notizia è stata messa a conoscenza della famiglia, che ora dovrà effettuare il riconoscimento del corpo.

Ancora da chiarire le cause del decesso, che risalirebbe a gennaio. Si è parlato di un incidente ferroviario, ma al momento è solo un’ipotesi: toccherà infatti alle indagini stabilire l’esatta dinamica del tragico epilogo. Una prima identificazione dell’uomo è stata effettuata per mezzo di una fotografia. Ora però i famigliari dovranno recarsi sul posto, in Romania, per il riconoscimento ufficiale del loro congiunto.

Il 29 dicembre Zelioli aveva comprato un biglietto del treno a Bologna, per Venezia. Quella è stata la sua ultima traccia: poi il silenzio, il vuoto, il nulla. Solo l’angoscia degli amici e dei parenti, stretti oggi nel più profondo dolore e riserbo.

I familiari hanno intanto emesso una breve nota. «Abbiamo appreso ieri sera dalle forze dell’ordine che è stato ritrovato, nei pressi della stazione di Branesti, vicino a Bucarest, il corpo di un uomo che, dalle immagini in loro possesso, potrebbe essere quello di Roberto. E’ stato trovato il 3 gennaio, a ridosso della sua scomparsa, ma il collegamento con il nome di Roberto è stato ipotizzato solo nelle ultime ore. Sono in corso accertamenti per verificare la sicura identità e la dinamica dei fatti. La famiglia è in contatto con le autorità competenti, in Italia e in Romania, per seguire tutti gli accertamenti».

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Giovanna Rispondi

    21/02/2014 alle 19:07

    Mi dispiace tanto.
    Vicina a tutti quelli che gli hanno voluto bene, ancora con la speranza che il corpo non sia il suo.
    Comunque sia Buon Viaggio Roberto.
    Giovanna G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *