Piogge e piene, di nuovo allerta per Enza e Secchia. Sul web il “vero” meteo di Reggio in tempo reale

10/2/2014 – Attivato dall’Agenzia regionale di Protezione civile lo stato di attenzione in tutte le province dell’Emilia-Romagna per pioggia, criticità idraulica ed idrogeologica, vento e stato del mare.

Un’intensa perturbazione sta portando in queste ore in tutta la regione precipitazioni estese e abbondanti, che secondo le previsioni Arpa-Simc dureranno per le prossime 24-48 ore; i quantitativi maggiori, intorno ai 100 mm, sono previsti sulle aree appenniniche. Alle piogge sono associati venti, che in serata diverranno forti sui rilievi centro orientali e sulla costa, con raffiche comprese tra i 55 km e i 65 km all’ora.

L’effetto combinato di questi fenomeni può determinare l’innalzamento del livello dei fiumi e degli altri corsi d’acqua, mareggiate e dissesti idrogeologici diffusi su tutto il territorio, in particolare nelle province già colpite dal maltempo nelle scorse settimane.

Per seguire l’evoluzione della situazione, monitorare i punti critici e organizzare una pronta risposta in caso di eventi rischiosi per la popolazione è stato attivato il centro operativo della Protezione civile regionale, in presidio 24 ore su 24, in raccordo con Arpa, Servizi tecnici di bacino, Aipo, Prefetture, Comuni, Province e volontariato.

Dalla Protezione civile giunge ai cittadini la raccomandazione di non sostare in prossimità di argini, ponti e moli e di seguire le indicazioni fornite dalle autorità locali.

I reggiani hanno la possibilità di seguire in tempo reale sul web, minuto per minuto, l’evoluzione delle condizioni meteorologiche della città (temperature, pressione, umidità, pioggia vento), grazie alla nuova stazione meteo del dipartimento di Geofisica di Unimore, installata nel campus San Lazzaro dietro il padiglione Buccola, sede del dipartimento di Ingegneria.

La stazione trasmette i dati “veri” alla pagina www.asmer.org/ossgeo/reggioemilia.php: per consultarli è sufficiente entrare nella pagina di Reggio dal link , oppure entrare nel sito www.asmer.org/ossgeo e  cliccare sul bottone dei dati di Reggio Emilia. Inoltre è disponibile una app per tablet e smartphone negli store Apple e Android

Situazione dei fiumi
Le precipitazioni previste fino a domani, martedì 11 febbraio, potranno determinare l’innalzamento dei livelli idrometrici su tutti i corsi d’acqua della regione, con possibile superamento del livello di pericolosità per piena nelle province di Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Bologna.

Ieri è stato attivato il preallarme sul fiume Secchia, a causa delle diffuse e intense precipitazioni e per le condizioni di criticità causate dalle ultime piene. Sono interessati i comuni di Soliera e Campogalliano nel Modenese e Casalgrande, Castellarano e Rubiera nel Reggiano. Resta in vigore l’allerta emessa lo scorso 5 febbraio per i Comuni di Modena, Bastiglia e Bomporto.
È ancora attivo lo stato di preallarme piena del Fiume Enza in provincia di Reggio Emilia per i comuni di Mezzani, Brescello, Sorbolo e Gattatico.

Rischio frane e dissesti
Le piogge di queste ore potrebbero aggravare la situazione dei territori già colpiti da maltempo nelle scorse settimane, determinando movimenti franosi diffusi (smottamenti, colate, cadute di massi) nelle province centro occidentali.

Vento
Possono verificarsi localmente cadute di rami e alberi, segnaletica stradale, danni alle abitazioni e alle infrastrutture pubbliche e private. Può risultare difficoltosa la circolazione stradale e si possono verificare sospensioni nell’erogazione di fornitura elettrica e telefonica.

LA SITUAZIONE DEL PO : STAMANI A BORETTO IL COLMO DELLA PIENA

A causa delle intense precipitazioni degli ultimi giorni, che hanno interessato in particolare l’area emiliana, nel tratto mediano e finale del corso del Po si registrano livelli idrometrici superiori alla media del periodo. Nella serata di ieri, domenica 9 febbraio, il colmo si è registrato a Casalmaggiore con valori di ordinaria criticità (tra livello 1 e 2 di criticità) e nella prima mattina di oggi a Boretto; in queste ore sta transitando nel tratto mantovano, sempre con valori di criticità ordinaria. Nei rami del Delta il colmo di piena è previsto per la giornate di domani martedì 11 febbraio con valori di criticità moderata (tra livello 2 e 3 di criticità).

Aipo perciò mantiene attivo il monitoraggio lungo l’asta del fiume e raccomanda attenzione e prudenza nei pressi del fiume e nelle aree golenali aperte, che potranno essere interessate dalle acque della piena. Rimane alta l’attenzione di Aipo sugli affluenti emiliani del Po – in particolare Secchia e Panaro – e su quelli lombardi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *