[[ Disastro del Secchia: danni all’agricoltura per 54 milioni

4/2/2014 – Le inondazioni del Modenese costano non meno di 54 milioni di euro all’agricoltura emiliana. E’ la cifra scaturita da un incontro tra il presidente della provincia di Modena Emilio Sabattini, e  il sottosegretario alle Politiche agricole Maurizio Martina. L’assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni ha definito “un punto di partenza molto importante” il “riconoscimento” da parte del sottosegretario “della specificità nazionale dell’emergenza” modenese.

***

TERREMOTI E ALLUVIONI: EMILIANI NELLA MORSA DELLA PAURA

In montagna in vent’anni sparite 35 mila aziende agricole

4/2/2014 – Tra terremoto, alluvioni, frane, perfino trombe d’aria, le catastrofi naturali hanno segnato profondamente i cittadini dell’Emilia Romagna che per il 40 per cento vivono con la paura per la devastazione degli edifici causata dai terremoti, per il 27 per cento temono le frane e l’erosione dei terreni e per il 29 per cento sono preoccupati dallo straripamento dei corsi d’acqua. E’ quanto emerge da un’analisi Coldiretti/Censis dalla quale si evidenzia il profondo stato d’ansia causato dalle recenti calamità tra la popolazione emiliana. A distanza di quasi due anni dal terribile terremoto che con morti e distruzione ha sconvolto la vita di una intera popolazione, gli emiliano romagnoli si ritrovano a fare i conti con un’alluvione e con centinaia di movimenti franosi nelle aree collinari e montane.

Con i cambiamenti climatici in atto – sottolinea la Coldiretti – è sempre più urgente investire nella prevenzione. I cittadini dell’Emilia Romagna si trovano a fare i conti con una continua emergenza idrogeologica che porta il 36 per cento dei cittadini interpellati a dichiarare – secondo la ricerca Coldiretti/Censis – di essere pronto a finanziare di tasca propria un fondo di tutela dai danni dovuti a fenomeni naturali.

Il 95 per cento dei comuni dell’Emilia Romagna ha almeno una parte del territorio soggetto a rischio idrogeologico per le frane e le alluvioni e, secondo l’analisi della Coldiretti, sono 313 i comuni interessati. Una situazione favorita dall’abbandono dell’attività agricola soprattutto nelle aree marginali dove è più importante la presenza degli uomini per la salvaguardia del territorio.

Infatti tra il 1990 e il 2010 l’Istat ha rilevato una vera e propria fuga dalla collina e dalla montagna dell’Emilia Romagna. Secondo le elaborazioni di Coldiretti regionale sui dati del censimento agricolo Istat, in venti anni le aziende agricole delle zone collinari e montane si sono più che dimezzate, passando dalle oltre 64 mila dell’inizio degli anni Novanta alle 27.420 del 2010.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *