Addio a una delle teste più belle di Reggio. Sergio Masini, socialista vero, se n’è andato a 89 anni

7/2/2014 – Se n’andata in silenzio, nel sonno, una delle teste più brillanti della Reggio del Novecento. Un intellettuale d’altri tempi, e non per ragione anagrafiche. Questa notte è morto a 89 anni Sergio Masini, esponente autonomista del Psi, amministratore pubblico, già direttore dell’ospedale psichiatrico del San Lazzaro ed ex vicepresidente dei Teatri di Reggio.

SergioMasiniCome dicevamo, se n’è andato nel sonno nella sua casa di viale Umberto I: è stata la moglie Pina Vezzani ad accorgersi del decesso, questa mattina. Sergio Masini è stato scrittore, giornalista, poeta e saggista. Anche nelle sue ultime collaborazioni a Stampa Reggiana, il mensile fondato da Ivano Davoli (suo grande amico, scomparso nel settembre 2010) la sua impronta era sempre originale e inconfondibile per il suo stile colto e fluido.

Masini è stato anche direttore dei manicomio San Lazzaro, dirigente scolastico e aveva fondato la colonia Bellelli. Molto attivo in politica, nel 1956 fu tra i fondatori con Stefano Del Bue, Dino Felisetti, Romeo e Alberto Galaverni, della corrente autonomista nenniana. A Reggio ricoprì il ruolo di consigliere e presidente della circoscrizione del centro storico. I funerali si svolgeranno domani, sabato, alle 14 con funzione funebre in S. Agostino. Il corpo sarà tumulato al Monumentale nella tomba di famiglia.

La presidente della Provincia Sonia Masini ha espresso alla famiglia il proprio cordoglio personale e della Giunta: «Con Sergio Masini se ne va un uomo di grande cultura e profonda umanità. Ci lascia una persona attenta alle cose concrete, umile e che ricordiamo per la sua grande vitalità e simpatia. Alla moglie Pina vogliamo esprimere le più sentite condoglianze.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *