Zona ceramiche in lutto, Daniele Valestri si è spento a Parma in seguito a un’infezione. Due settimane fa l’incidente in Lamborghini

“Il 48enne titolare della Pit Lane di Maranello, di Casalgrande, ustionato nell’incidente con la Lamborghini Aventador, è deceduto dopo un’infezione”

La Lamborghini dopo l'esplosione seguita all'incendio della vettura

La Lamborghini dopo l’esplosione seguita all’incendio della vettura

4/1. “Non ce l’ha fatta: è spirato questa mattina per un attacco cardiaco. Daniele Valestri, 48 anni, di Casalgrande, titolare dalla Pit Lane di Maranello si è arreso”.

A dare la triste notizia, che nessuno avrebbe mai voluto leggere, è il sito di motori Omnicorse.it.

daniele“Un’infezione lo ha strappato alla moglie e ai due figli di sette e otto anni, quindici giorni dopo l’incidente a Solignano di Castelvetro, in provincia di Modena, quando era inspiegabilmente finito fuori strada con la Lamborghini Aventador che poi ha subito preso fuoco devastando con le fiamme il corpo di Daniele e quello di Flavio Pierleoni, il giovane pilota bolognese di 24 anni, che era sulla Gran Turismo di Sant’Agata Bolognese insieme all’amico.

Daniele Valestri era stato trasferito all’Ospedale di Parma dopo che gli erano state prestate le prime cure al Maggiore di Bologna dove era stato trasportato il elicottero dai soccorritori del 118 e, almeno inizialmente, sembrava che le sue condizioni si fossero stabilizzate lasciando intendere che si sarebbe potuto riprendere seppur lentamente.

Il reggiano, invece, che aveva il 50 per cento del corpo ustionato è stato bersagliato dalle complicazioni: cinque giorni fa le condizioni di Daniele si erano aggravate per un’embolia polmonare che aveva fatto temere il peggio. La fibra forte di Valestri, invece, lo aveva portato a superare la crisi, ma le condizioni si sono nuovamente aggravate ieri sera: un attacco febbrile con punte di 41 gradi aveva messo in evidenza l’esplosione di un’improvvisa infezione che ha portato al decesso in mattinata. Un dramma che ha gettato nello sconforto gli amici che si sono stretti nel cordoglio della famiglia.

Flavio Pierleoni, intanto, è sempre ricoverato al Bufalini di Cesena: le sue condizioni restano gravi dal momento che viene mantenuto in coma farmacologico, anche se pare sia scongiurato il pericolo di vita: in questi giorni il giovane bolognese, protagonista del Lamborghini Super Trofeo, è stato sottoposto ad altri delicati interventi chirurgici alle mani e alle braccia, gli arti che più sarebbero stati dilaniati dalle fiamme che aveva avvolto l’Aventador.

I due sfortunati protagonisti dell’incidente erano stati estratti dall’abitacolo infuocato da Romano Boni, il 38enne di Castelnuovo Rangone, produttore di aceto balsamico tradizionale, che non aveva esitato a infilarsi nel rogo a mani nude per cercare di aiutare Daniele e Flavio che si dimenavano in stato di semi-coscienza nell’abitacolo in materiali compositi della Lamborghini.

Non sono ancora stati decisi i funerali di Daniele. OmniCorse.it vuole porgere le condoglianze alla signora Valestri ed esserle vicina in questo momento di profondo dolore”. (www.omnicorse.it)

-> L’INCIDENTE DUE SETTIMANE FA (leggi)

SU FACEBOOK IL DOLORE E I COMMOSSI SALUTI DI AMICI E CONOSCENTI DI CASALGRANDE, SCANDIANO E COMUNI LIMITROFI TRA REGGIO E MODENA

“Oggi tanti di noi, di Casalgrande e Scandiano, hanno perso un caro amico… un ragazzone con un cuore grande come una casa… Ciao Daniele e buon viaggio amico!!!” (Sauro)

“Ciao Dani…” (Giorgia)

“R.i.p. DANIELE, praticamente siamo cresciuti insieme in quella via Torino con il fratello e tanti altri amici dietro al campetto a tirare calci col pallone e non solo… CIAO ” (Fabio)

“Io non gli dico addio… ma solo ciao Daniele… un giorno ci rivedremo tutti lassù…. intanto fai buon viaggio” (Chiara)

“Sono quelle cose che non vorresti succedessero mai… ciao Dani” (Anna)

“Sarai sempre nei nostri cuori” (Luca)

“Ti ricorderemo sempre grande DANI….. un grande abbraccio” (Stefano)

“Mi dispiace tanto” (Stefania)

TANTI MESSAGGI ANCHE SUL PROFILO DI DANIELE (GUARDA)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *