[[ Crac En.Cor, gli svizzeri chiedono il concordato e licenziano l’amministratore correggese

24/1/2014 – Lo scandalo En.Cor, la società energetica di Correggio che ha accumulato ben 30 milioni di debiti (di cui 27 garantiti dal Comune con lettere di patronage vincolanti e non sostituite dai nuovi proprietari svizzeri) è finito in Tribunale, per la precisione alla sezione fallimentare: la società Amtrade ha depositato nei giorni scorsi la richiesta di ammissione di En.Cor alla procedura concordataria.

Lo scrive questa mattina Prima Pagina – edizione di Reggio. Ieri la richiesta è stata esaminata in Camera di consiglio dalla Sezione fallimentare del Tribunale. Un nuovo caso di mala gestio da parte della politica reggiana, finito miseramente.

Nel frattempo la Amtrade – che fa capo a un imprenditore romagnolo, residente in Svizzera, che non può rientrare in Italia perchè inseguito da un mandato di cattura internazionale per presunte truffe finanziarie – ha licenziato l’amministratore unico della En.Cor, Davide Vezzani, che era direttore generale quando la società era controllata dal Comune. (p.l.g.)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *