Piccoli furti a colazione. Impiegata infedele incastrata dalle banconote fotocopiate

22/1/2014 – Da qualche mese registrava piccoli ammanchi di denaro che con l’andare avanti del tempo hanno raggiunto la cifra di 500 euro. Un bel rompicapo per la derubata, un’imprenditrice 35enne di Quattro Castella, che ha quindi deciso di rivolgersi ai Carabinieri.

L’unico cosa che accomunava gli episodi il fatto che gli ammanchi si registravano negli uffici della sua azienda. Partendo da questa circostanza i Carabinieri della Stazione di Quattro Castella hanno avviato le indagini cogliendo sul fatto, grazie alle banconote civetta preventivamente fotocopiate e trovate nel portafoglio dell’indagata, un’impiegata della medesima azienda.

Per ora non è accusata dei precedenti furti ma dell’ultimo, in ordine cronologico, risalente all’altro pomeriggio. Questa la premessa della vicenda che ha visto una 48enne impiegata reggiana essere denunciata alla Procura della Repubblica per furto aggravato.

L’altro pomeriggio infatti la derubata si accorgeva dell’ammanco di 35 euro (precedentemente fotocopiati su consiglio dei Carabinieri) che aveva lasciato sula scrivania e per questo richiedeva l’intervento dei Carabinieri. Nelle pertinenze dell’ufficio aveva notato l’impiegata intenta a bersi un caffè.

I sospetti dei Carabinieri si concentravano quindi verso quest’ultima che in effetti nel portafoglio aveva riposto le banconote appena rubate. Non potendo negare l’evidenza dei fatti anche la stessa dipendente infedele ammetteva le responsabilità venendo per questo denunciata alla Procura reggiana con l’accusa di furto.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *