[[ La En.Cor è fallita: “Insolvenza irrecuperabile”. Comune di Correggio e Pd nei guai sino al collo

26/1/2014 – Le sorti luminose e progressive di En.Cor, la società energetica creata dal Comune di Correggio gestita in quota Pd sino alla cessione alla società svizzera Amtrade, del cantone di Zugo – piccolo paradiso fiscale nel cuore dell’Europa – sono finite nel peggiore dei modi.

high voltageVenerdì mattina i giudici fallimentari Varotti e Fanticini, riuniti in camera di consiglio, hanno respinto la richiesta di concordato presentata nei giorni scorsi dalla nuova amministratrice Crista Egli, e ha decretato il fallimento della En.Cor per “insolvenza irreversibile”.

no no noScrive Prima Pagina che,  poco prima di essere licenziato, l’ex direttore e poi amministratore Davide Vezzani aveva depositato un’istanza di fallimento, stante l’impossibilità di continuare la gestione per mancanza di liquidità e per l’esposizione verso banche e fornitori, che ha prodotto una serie di decreti ingiuntivi. Il più rilevante è quello della Banca Popolare di San Felice per ben 11 milioni di euro. La San Felice. Come altre banche, è anche in possesso di una lettera di patronage del Comune di Correggio, che sarà chiamato a far fronte al debito di En.Cor.

ragioniere-contabile2L’ex Vezzani nella sua istanza aveva rilevato che la situazione impedisce di svolgere qualsiasi attività.

Il crac En.Cor – che coinvolge pienamente sotto il profilo politico l’amministrazione comunale (oggi commissariata) e il Partito Democratico locale – aveva già portato a una raffica di dimissioni di revisori, amministratori, e da ultimo del sindaco Marzio Iotti, scaricato dal Pd e anche dai suoi assessori, nonostante la Giunta sapesse delle lettere di patronage. Pare invece che non sapessero di aver venduto la En.Cor a una holding che fa capo a un finanziere romagnolo, incarcerato prima a Panama e poi in Croazia per un giro internazionale di presunte truffe. Coveri si è sempre proclamato innocente, ma resta il fatto che non può rientrare in Italia perché inseguito da un mandato di cattura internazionale .

topo-codaVa detto tuttavia che i guai finanziari e gestionali sono cominciati e poi allargati a dismisura durante la gestione pubblica, e che la vendita ad Amtrade non è la causa, ma l’effetto di una situazione infine arrivata al fallimento.

Il Comune di Correggio resta nell’occhio del ciclone perché ha emesso lettere di patronage (garanzie) a favore delle banche per le linee di credito concesse a En.cor: in totale 28 milioni di debiti che l’ente potrebbe dover rifondere, visto che dopo la vendita agli svizzere le lettere non erano mai state sostituite.

(Pierluigi Ghiggini)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *