La debacle delle super linee Seta
Perchè gli amministratori non pagano mai?

“A chiacchiere i nostri amministratori sembrerebbero voler risolvere i problemi della gente comune occupandosi di cose concrete, “facendo squadra”, lavorando “in sinergia”, collaborando anche tra soggetti diversi per migliorare i servizi risparmiando e rimuovendo chi non è in grado di gestirli adeguatamente.

Allora parliamo di cose concrete! Si sono resi conto che tante famiglie non possono più permettersi più di un’auto? Che chi cerca lavoro e abita in provincia ha ancora più difficoltà se non è automunito e non può contare su un servizio di trasporto pubblico efficiente?

Che i fortunati che un lavoro ce l’hanno spesso farebbero volentieri a meno dell’auto (con notevoli benefici anche per l’ambiente) se il trasporto pubblico li prendesse in considerazione e non fosse tarato solo sugli orari scolastici?

Provate a controllare la frequenza degli autobus che collegano Codemondo e Cavriago a Reggio Emilia e scoprirete i buchi che ci sono negli orari, che diventano voragini quando le scuole sono chiuse, in quanto vengono completamente azzerate la stragrande maggioranza della corse, addirittura anche quando la chiusura è conseguente ad avverse condizioni atmosferiche, che renderebbero invece ancora più consigliabile lasciare l’auto a casa.

Verificherete facilmente, ad esempio, che l’autobus della linea n. 1 solo in alcuni orari della giornata “si spinge” fino a Codemondo, ma il più delle volte si ferma al Villaggio Foscato, mentre potrebbe svolgere un efficace collegamento tra Cavriago e Reggio (peraltro insistentemente richiesto dai cittadini), percorrendo poche centinaia di metri in più rispetto al capolinea di Codemondo. A quanto pare, però, unire due comuni diversi è un ostacolo insormontabile!

Come è possibile che amministratori che gestiscono aziende solo per inerzia, completamente scollegati dalla realtà, il più delle volte in perdita e senza capacità di promuovere strategie di rilancio che consentano anche un cambiamento di abitudini nei cittadini, non debbano mai risponderne, confidando come sempre sul ripiano dei debiti da parte degli enti soci? Se ne potrebbe parlare ma, si sa, le chiacchiere stanno a zero”.

Paola Perillo

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Ivaldo Rispondi

    08/01/2014 alle 18:59

    Conoscendo bene il problema sollevato, giustamente, dalla Signora Paola Perillo, in quanto residente a Codemondo, mi permetto di rammentare di avere evidenziato in modo dettagliato tali problematiche(in qualità di Consigliere Comunale a Cavriago)il 29 marzo 2007, alla presenza del Presidente dell’ACT Malagoli: da allora è stato allungato SOLO il percorso dell’autobus linea 1 fino a Codemondo. Non mi dilungo condividendo in pieno l’articolo in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *