Pensionati: “Siamo il bancomat delle famiglie allo stremo”. Appello Cna al governo

10/10  “Più coraggio”. E’ l’appello di Cna Pensionati al governo impegnato nell’approvazione della Legge di stabilità 2014. I pensionati Cna chiedono, in particolare,  interventi mirati a ridare ossigeno ai pensionati, alle famiglie e alle imprese.

“La Legge di stabilità va cambiata. E’ necessario ridurre la pressione fiscale – sostiene Giuliano Tamagnini, Presidente provinciale della categoria– salvaguardare il potere d’acquisto delle pensioni e varare misure di welfare adeguate all’invecchiamento della popolazione. Non possiamo più essere anche il bancomat  delle famiglie che non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese”.

E aggiunge: “Nel testo definitivo della Legge di stabilità occorre, innanzitutto, maggiore equità e una lotta incisiva agli sprechi, ai privilegi e alle rendite di posizione, per evitare di far cassa sulle pensioni. È necessario, inoltre, ripristinare l’indicizzazione degli assegni ed estendere a tutti la rivalutazione completa, in quanto, considerato che gli anziani in molti casi sostengono economicamente le famiglie, serve anche per aumentare i consumi e far ripartire l’economia”.

Bene il rifinanziamento del Fondo di non autosufficienza e del Fondo per le politiche sociali anche se non sono ancora sufficienti rispetto ai bisogni reali degli anziani e delle loro famiglie. “Forti dubbi” invece sulla Social Card  perchè – conclude il Presidente Tamagnini – ha scarsa efficacia, polverizza le risorse e rappresenta un intervento prettamente assistenziale».

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Colleoni Rispondi

    10/12/2013 alle 22:11

    Bravo Tamagnini,non mollare!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *