Leggi animaliste: l’Abruzzo vieta la catena per i cani Potranno andare a trovare i padroni ricoverati in ospedale

6/12 – La regione Abruzzo, dove si convive abitualmente col lupo appenninico, fa da battistrada per una nuova legislazione sui diritti di cani e gatti. Nei giorni scorsi il Consiglio regionale abruzzese, all’Aquila ha approvato a maggioranza  la nuova legge “Norme sul controllo del randagismo, anagrafe canina e protezione degli animali da affezione”, che sostituisce il vecchio testo del 1999. Da oggi è vietata la soppressione per eutanasia degli animali da affezione, nè su richiesta del proprietario nè per motivi di ordine sanitario o “sociale”. L’eutanasia resta possibile solo se gli animali sono “gravemente malati, incurabili o di comprovata pericolosità” e comunque “con il consenso del proprietario e ad opera di un medico veterinario”.

Ma oltre a questa la nuova legge introduce importanti novità, a cominciare dal divieto di usare la catena se non per ragoni sanitarie. Consente l’accesso degli animali negli ospedali, mentre vieta “di offrire animali in premio, vincita o omaggio nei luna park, nelle lotterie, nelle fiere, nei mercati, nelle mostre”.

Non potranno esistere rifugi con più di 250 cani  e le associazioni animaliste avranno la prelazione nella gestione dei canili. Infine, ma certamente non ultimo per importanza, entra in vigore il divieto di uccidere animali inselvatichiti.
Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Castelli Rispondi

    19/06/2016 alle 10:14

    Grande legge e onore alla Abruzzo.
    Arrivo nella mia casa al mare..In Abruzzo e precisamente Tortoreto lido e trovo il cane di un vicino legato alla catena.
    Cagnolino piccolo da compagnia.
    Tengo a precisare che questa persona ha una casa con un grande giardino recintato.
    Io mi domando xche??
    Proverò a parlare con la persona…padrone del peloso.
    Ma sono sicura di nn ottenere risultati..anzi…
    Come si può intervenire affinché questo supplizio alla povera bestiola cessi?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *