Rimborsi bum-bum. Grandinetti: “Non mi faccio condizionare”. Scontro istituzionale tra prosindaco e procuratore

20/12 – «La mia indipendenza è assoluta. Non valuto se dietro la presentazione di un esposto ci siano o meno dei secondi fini, dei retroscena di tipo politico. Non mi interessa, e se ci sono io non so cosa farci».

ferrariL’infelice uscita di Ugo Ferrari sulla “politica per via giudiziaria” non è proprio andata giù al procuratore capo della Repubblica Giorgio Grandinetti, che questa mattina ha di nuovo rampognato – pur senza citarlo – il prosindaco di Reggio. Il quale, oltretutto, ha dato l’impressione di essere rimasto vivamente sorpresa della prova di indipendenza data dalla Procura con i fascicoli aperti su Global Service della Provincia, scandalo En.Cor di Correggio, crac Fiere di Reggio e da ultimo il caso dei rimborsi spesa degli amministratori reggiani. Quello che, appunto, ha suscitato la dichiarazione ufficiale di Ugo Ferrari.

In primo luogo ha precisato che, contrariamente a quanto aveva scritto Ferrari, in Procura non è arrivato alcun esposto, e tantomeno c’è un fascicolo, per la discussa vicenda del parcheggio sotterraneo che si vorrebbe fare in piazza della Vittoria.
Ma poi ha ribadito concetti che sviluppano quanto aveva già detto ieri, e cioè che spetta alla Procura decidere se ci sono o meno elementi per aprire un’inchiesta.

“La mia indipendenza – ha detto – è assoluta. Non valuto se dietro la presentazione di un esposto ci siano o meno dei secondi fini, dei retroscena di tipo politico. Non mi interessa, e se ci sono io non so cosa farci. Non posso decidere ipotizzando l’esistenza di retroscena”. E ha continuato: ” Purtroppo in questo Paese molti ritengono che sia disdicevole rivolgersi alla magistratura, e molti trasferiscono sulla magistratura i loro conflitti. Avrebbero ragione di farlo se la magistratura entrasse in campi che sono meramente politici, ma non quando si occupa di cose che sono semplicemente penali. In questo caso confido che non ci siano aspetti penali e mi sembra che siamo di fronte a cose piccole e marginali. Ma non mi faccio condizionare, Ferrari non lo conosco neppure e devo dire che la sua lettera non l’ho capita tanto. Il mio sarà comunque un approccio del tutto sereno alla vicenda”.

(p.l.g.)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *