Avevano già caricato trecento forme, fallisce colpo da 250 mila euro al caseificio di Cavola

20/12 – Colpo grosso fallito al caseificio di Cavola di Toano. I malviventi avevano già caricato un camion con circa 300 forme di Parmigiano Reggiano prelevate dalla latteria  di via Argentina nella frazione di Cavola ed erano da poco usciti dal piazzale, quando gli abbaglianti di una volante dei Carabinieri li hanno sorpresi in piena notte. Impossibilitati a seminare i militari, dato il carico, i malviventi hanno preferito scendere dal mezzo, risultato peraltro rubato nel foggiano, per dileguarsi a piedi nei campi.

trollQuesto quanto accaduto questa notte intorno alle 4.30, con gli uomini dell’Arma di Toano e di Castelnovo Monti che hanno recuperato l’intera refurtiva dal valore di oltre 250mila euro. Dal sopralluogo effettuato sul posto è emerso che chi stava per portare a termine il colpo è una banda di autentici professionisti del crimine che per entrare all’interno del magazzino del caseifcio hanno segato le sbarre, coprendo poi con della stagnola i sensori di allarme e operando così in tutta tranquillità.
I carabinieri si trovavano nella zona del caseificio poiché già allerta da diverse ore.

La notte precedente, infatti, due analoghi colpi in caseifici della Bassa reggiana erano saltati a causa dei sistemi d’allarme adottati: in un caso, dopo aver praticato un foro nel muro attiguo al magazzino, i ladri hanno dovuto desistere per la presenza dei sensori; nel secondo, invece, a fare abortire il colpo è stato l’allarme collegato alla caserma dei carabinieri.
Scattata la caccia all’uomo in tutto l’appennino reggiano e non solo, l’ipotesi a cui ora stanno lavorando gli inquirenti è che tentare i tre colpi sia stata la medesima banda.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *