Assalti criminali, ospedale
Magati nel mirino. Pagliani
chiede la vigilanza notturna

1/12 – L’assalto continuo delle bande criminali a case, negozi, bar e tabaccherie, banche e strutture pubbliche e assistenziali, compreso ospedali e depositi della Caritas impone provvedimenti urgenti per fermare un’ondata che, in queste proporzioni, non ha precedenti da almeno dieci anni.

Emblematico caso dell’ospedale Magati di Scandiano, bersagliato da tempo dai malviventi. Giuseppe Pagliani, scandianese, capogruppo di ForzaItalia -Pdl in Provincia, ha raccoloto le preoccupazioni di operatori ospedalieri  e cittadini, e chiede l’istituzione del servizio di vigilanza notturna nel nosoco».

«Considerato che tre giorni fa afferma Pagliani – i ladri durante le primissime ore notturne, le 23 circa, hanno sfondato la sbarra d’entrata dell’Ospedale Cesare Magati di Scandiano e forzato l’uscita di sicurezza delle sale d’attesa del centro prelievi ,puntando a rubare il denaro delle casse automatiche per il pagamento dei ticket. E che solo per l’eccessivo trambusto il furto è stato sventato, grazie all’attenzione dell’addetto alla portineria ed al pronto intervento dei Carabinieri della Tenenza locale. Tenuto conto che già nei mesi scorsi altri episodi si erano verificati all’interno del piano terra dell’Ospedale scandianese, per la sicurezza di chi opera e lavora nella struttura, oltre alla protezione delle attrezzature specialistiche e dei degenti nei reparti – aggiunge – riteniamo indispensabile inserire il servizio di vigilanza notturna presso la struttura ospedaliera al fine di evitare che episodi come quelli accaduti tre notti fa possano ripetersi.

«L’intensificarsi dei fenomeni delinquenziali – nota Pagliani – obbliga a compiere scelte che fungano da deterrente per i malintenzionati che scelgono, per delinquere, un luogo vocato alla cura ed alla tranquillità di chi è obbligato a soggiornarvi.

L’invito che rivolgiamo ai vertici del nosocomio scandianese è di intervenire con la massima urgenza, il sollecito ci è stato richiesto da operatori interni della struttura e dai cittadini che ci hanno segnalato l’accaduto. I costi di queste ulteriore servizio sono ridotti rispetto ai benefici che tale scelta comporta, anche perché è bastato un tentativo di furto per provocare alcune migliaia di euro di danni all’ospedale».

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *