Torna la banda delle ville,
ma scappa. Ori per 20mila euri e un furgone recuperati dai Cc

Casa saccheggiata, ori recuperati. Questa volta è andata bene a una coppia di Rubiera, che ha sorpreso ieri sera, intorno alle 19,30, tre malviventi nella loro abitazione. L’intervento tempestivo, arrivati in forze sul posto con diverse pattuglie, ha fortunatamente mandato a monte il piano dei banditi. Dalla casa, messa a soqquadro, mancavano preziosi e ori di famiglia per 20 mila euro: i rapinatori erano riusciti ad aprire la cassaforte con un flessibile.

All’arrivo dei Carabinieri sono fuggiti  per i campi. E menre si scatenava la cacci all’uomo, poco lontano dalla casa è stata scoperta la Golf usata dai banditi: l’auto era stata rubata a Modena il 27 ottobre.  A bordo, con sorpresa degli investigatori, c’era anche un scchetto con i preziosi rubati, che sono stati restituiti ai legittimi proprietari. Ma nell’auto c’erano anche le targhe di un’altra automobile, dieci cappellini con visiera e due passamontagna. Grande interesse dei vestigatori soprattutto per un computer, sempre a bordo della Golf, rubato a Soliera il 2 novembre. L’auto e i materiali saranno affidati al Ris di Parma, per indivividuare le impronte digitali e incrociarle con la banca dati delle forze dell’ordine.

Il fallito colpo, comunque, è un segnale d’allarme: in zona è tornata la banda delle ville.

RUBANO FURGONE A GUALTIERI, IL PADRONE NON SE NE CCORGE MA I CARABINIERI SI’

Non sapeva ancora di essere stato derubato stato derubato quando i carabinieri l’hanno svegliato per restituirgli un autocarro Volkswagen carico di attrezzi da carpentiere ed altri suoi effetti personali che una banda di ladri gli aveva appena rubato da casa. Incredulo ha ringraziato i Carabinieri che subito però si sono congedati per proseguire, unitamente ad altri colleghi affluiti dai comandi limitrofi, le ricerche dei due malviventi fuggiti a piedi.  Il fatto è avvenuto a Gualtieri. poco prima dell’una di questa notte una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Gualtieri, durante un servizio di controllo del territorio intercettava un autocarro che all’alt non si fermava. Da lì un breve  inseguimento conclusosi in Piazza Parenti della frazione Santa Vittoria  dove i due malviventi hanno sono passati al pian B,  decidendo di abbandonare l’autocarro carico di attrezzi da carpenteria proseguendo la fuga a piedi per i campi. L’autocarro non risultava rubato e pertanto i carabinieri risaliti al proprietario andavano in piena notte a trovarlo a casa. Dopo averlo svegliato lo stesso ha realizzato di essere stato derubato scoprendo con piacere che la refurtiva era in mani sicure, ovvero quelle dei Carabinieri del suo paese.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *